Vedere i militari sia il segno della ripartenza

I residenti di Prato accolgono con sollievo l'arrivo dell'esercito, necessario per aiutare la città a ripartire dopo la tempesta. Volontari e operai lavorano giorno e notte per ripulire le strade e le aziende. Un aiuto indispensabile per riportare l'anima a Prato.

Quando è arrivato l’esercito, ieri nel primo pomeriggio in viale Borgovalsugana, i residenti sono usciti in strada un po’ incuriositi e tanto sollevati, sorridenti nel vedere finalmente gli aiuti di cui Prato ha bisogno. E quella è una zona che non è stata toccata quasi per niente dalla tempesta di giovedì sera, con poche eccezioni. Quel saluto la dice lunga sulla voglia della popolazione di ripartire, così come i tantissimi volontari da subito impegnati nelle strade e gli operai giorno e notte con le pale a ripulire le loro aziende. Togliere l’azione, il lavoro è come togliere l’anima a Prato. Ma questa volta è impossibile ripartire da soli. Quei militari devono essere solo la testa di una lunga colonna di aiuti.