Il primo cittadino durante il sopralluogo nel giardino vandalizzato
Il primo cittadino durante il sopralluogo nel giardino vandalizzato

Vandali in azione nei giardini di via Riva a Montemurlo. Dopo l’ala rotta all’aquila, ora a fare i conti con i vandali è stata la tartaruga scolpita nel legno, a cui è stata staccata la testa. Ieri il sindaco Simone Calamai, nel corso di un sopralluogo, si è accorto del danneggiamento ed ha già provveduto a dare disposizioni per il ripristino dell’opera d’arte. Un gesto di inciviltà e cattiveria, soprattutto verso i bambini che tanto amano il giardino incantato di via Riva con i suoi animali scolpiti nel legno da abili boscaioli. Il sindaco ha stigmatizzato il nuovo atto di vandalismo contro una delle sculture che si trovano nel parco: "Con la ripresa dell’anno scolastico vogliamo scoprire la targa con il nome del giardino, scelto dai bambini della scuola primaria Hack di Bagnolo nell’ambito di un concorso di idee. Vorrei che questo luogo fosse il simbolo della ripartenza, della rinascita dopo i mesi più duri del Covid, che ha costretto i bambini alla lontananza da scuola e dai loro luoghi dei giochi. E poi vorrei dire grazie alla stragrande maggioranza dei cittadini che amano questo giardino così come gli altri luoghi della loro città e che con prontezza segnalano problemi e atti deleteri come questo. Ripartiamo tutti insieme dal rispetto e dalla cura della nostra città e da luoghi così amati come questo giardino". Questa estate, nella provincia, sta registrando un aumento degli atti vandalici nei giardini pubblici

MSQ