A Prato arrivano i big nazionali del Pd per parlare di riforma dello sport

Sul palco spazio anche per società e atleti protagonisti di gesti meritevoli nel post alluvione

Prato, 29 novembre 2023 - Si terrà a Prato, sabato 2 dicembre, il primo appuntamento nazionale del Dipartimento Sport del Partito Democratico. L’iniziativa è in programma dalle ore 11 al Garibaldi Milleventi, e tratterà del ‘Diritto allo Sport’. A volere l’organizzazione a Prato del primo momento ufficiale di ritrovo promosso dal Dipartimento Sport Pd è stato direttamente l’onorevole Mauro Berruto, che coordina i lavori del gruppo nazionale e che da anni collabora col territorio laniero sui temi della cultura dello sport e dei diritti. A curare l’organizzazione dell’iniziativa è il Circolo dello Sport del Pd di Prato, il cui segretario Gianluca Coppini segue all’interno del Dipartimento Sport nazionale Pd l’area della comunicazione interna dei lavori del Dipartimento. Al suo fianco, col medesimo ruolo nazionale nella comunicazione del Dipartimento sport, anche Beatrice Becheri, membro del Circolo dello Sport del Pd, nonché coordinatrice del dipartimento tematico dello sport del Pd pratese. Durante la mattinata saranno presentate le nuove proposte elaborate dal Dipartimento sui temi della riforma dello sport, tese a portare all’attenzione del Parlamento azioni incentivanti e di sostegno al mondo sportivo e a tutti i cittadini. Sul palco come ospiti istituzionali sono stati invitati a parlare il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, il sindaco di Firenze Dario Nardella e quello di Prato Matteo Biffoni. A seguire ci si concentrerà su sport, Costituzione e riforma del lavoro sportivo con la relazione di Berruto che spiegherà pure gli emendamenti alla legge di bilancio e gli ordini del giorno presentati dal Pd. Da mezzogiorno presentazione dei componenti del Dipartimento Sport e delle loro specifiche competenze. Fabio Appetiti per il lavoro, Laura Coccia per i diritti, Daniele Volpatto per gli enti locali, Miriam Baldassari per la cultura, Orazio Arancio per lo sport nel sud Italia, Elena Pantaleo per scuola e università, Nicola Armentano per la salute e Francesca Vitali per sport ed equità di genere, Beatrice Becheri, Gianluca Coppini e Paola Parmentola per la comunicazione territoriale. “Bene ha fatto il Pd pratese a creare nel 2015 un circolo sul tema sport, bene ha fatto il Pd nazionale a creare il dipartimento per lo sport – dice Coppini - Il lavoro di questo team consente di migliorare tutte le dinamiche del settore a partire dalla riforma fino a diffondere sempre di più fra le persone la cultura dello sport. E di cambiare quei vecchi sistemi e regole ormai inadeguati per i tempi di oggi”. Sul palco del Garibaldi Milleventi saliranno anche alcune società sportive dei comuni toscani che si sono particolarmente contraddistinte nel post alluvione, aiutando famiglie, imprese e associazioni a liberare case, impianti sportivi e capannoni da acqua e fango. Un gesto simbolico per ringraziare la migliore espressione dello sport, ma anche per mandare un segnale di ripartenza a tutto il distretto dopo i danni causati dall'alluvione del 2 novembre. “Poter ospitare questo evento a Prato significa molto per noi del Circolo dello Sport Pd di Prato – conclude Becheri - Un riconoscimento per l'impegno e la vicinanza costante al mondo sportivo del territorio, che abbiamo intensificato proprio negli ultimi anni, anche grazie al prezioso contributo di Mauro Berruto, trattando i temi innovativi contenuti in questa riforma dello sport e i possibili sviluppi, molti dei quali avremo modo di apprezzare in questo importante appuntamento”. Dopo i vari interventi ci sarà uno spazio per il dibattito con i presenti, a cui conclusione verrà proiettato un video della segretaria nazionale Pd, Elly Schlein. A seguire gli interventi dei parlamentari toscani Pd. “Prato si conferma una città dove lo sport è visto come strategico per la crescita del nostro territorio, un esempio per tutto il Paese – conclude il segretario provinciale Pd, Marco Biagioni - L'evento di sabato ne è la dimostrazione”.