La cantautrice pugliese Erica Mou oggi a Palazzo Pretorio Foto Filiberto Mariani
La cantautrice pugliese Erica Mou oggi a Palazzo Pretorio Foto Filiberto Mariani
Settembre, Prato è spettacolo: ancora posti disponibili per il concerto al tramonto in programma questa sera alle 19 nella suggestiva cornice della terrazza Palazzo Pretorio. La cantautrice Erica Mou è protagonista di "Punti di fuga. Racconti da tessere attraverso la voce", uno spettacolo estivo leggero e profondo, che assomiglia al mare della sua terra, la Puglia. Sul palco Erica Mou sarà accompagnata dalla sua chitarra e dalla musicista Flavia Massimo che unisce l’elettronica al violoncello. Classico...

Settembre, Prato è spettacolo: ancora posti disponibili per il concerto al tramonto in programma questa sera alle 19 nella suggestiva cornice della terrazza Palazzo Pretorio. La cantautrice Erica Mou è protagonista di "Punti di fuga. Racconti da tessere attraverso la voce", uno spettacolo estivo leggero e profondo, che assomiglia al mare della sua terra, la Puglia. Sul palco Erica Mou sarà accompagnata dalla sua chitarra e dalla musicista Flavia Massimo che unisce l’elettronica al violoncello. Classico e contemporaneo si incontreranno, oltre che nei suoni, nella scelta del repertorio. Nella set list le canzoni dell’artista si alterneranno alle pagine del suo romanzo, omaggi ai classici della musica d’autore saranno accompagnati dagli inediti eseguiti per la prima volta di fronte a un pubblico. Il filo conduttore dello spettacolo è la fuga, quella necessaria per ritrovarsi. Il titolo del tour richiama il podcast "C’est la Mou - Punti di fuga", racconti di storie inaspettate di donne diverse, uscito lo scorso giugno per Emons. L’italiano, l’inglese, il dialetto, il francese e il portoghese tessono dal vivo una trama di suoni coloratissima. Erica Mou, classe 1990, ha all’attivo oltre seicento concerti in Italia e all’estero. Esordisce appena maggiorenne per l’etichetta Sugar, distinguendosi sin da subito per l’eleganza della sua penna e della sua voce. Nel 2012 arriva seconda al Festival di Sanremo, nella categoria giovani, vincendo il Premio della Critica Mia Martini e il Premio Sala Stampa RadioTv. E’ stata candidata ai David di Donatello 2014 per la migliore canzone originale. Nel mare c’è la sete è il suo primo romanzo, edito da Fandango nel 2020.Attualmente vive a Tolosa, sta lavorando in teatro al nuovo spettacolo di Concita de Gregorio e si appresta a pubblicare il suo sesto album.

Flavia Massimo è una violoncellista contemporanea e sound designer. Dopo un percorso di studi di musica classica da diversi anni si dedica alla sperimentazione come violoncellista e compositrice, approfondendo la ricerca con gli studi di Regia e Tecnologia del Suono. Compone musiche per spettacoli teatrali e di danza, progetta e realizza installazioni d’arte interattive, è autrice di sonorizzazioni per mostre ed audio-guide. E’ diretrice artistica del festival Paesaggi Sonori il cui format prevede eventi culturali in location naturalistiche d’eccezione e ricche di storia e patrimonio artistico culturale. Infine, a a proposito del Festival, da ricordare che l’atteso concerto di stasera di Antonello Venditti in piazza Duomo è sold out.