Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 apr 2022

Prato, veglia di preghiera per i morti sul lavoro

L'appuntamento giovedì 28 aprile in San Domenico

26 apr 2022
Il vescovo Giovanni Nerbini invita i parroci a parlare di truffe con gli anziani
Il vescovo Giovanni Nerbini
Il vescovo Giovanni Nerbini invita i parroci a parlare di truffe con gli anziani
Il vescovo Giovanni Nerbini

Prato, 26 aprile 2022 - In occasione della festa dei lavoratori del primo maggio l'Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro della Diocesi di Prato invita a raccogliersi in preghiera "per invocare dal Padre il dono di un lavoro che sia per tutti orizzonte di speranza per una vita spesa in pienezza, un'esperienza di giustizia riservata a tutti in abbondanza e uno scrigno che custodisca la sacralità della vita".

L'appuntamento è per giovedì 28 aprile alle 21 in San Domenico. Durante la serata ci sarà un ricordo di monsignor Pierluigi Milesi, storico cappellano dei lavoratori pratesi scomparso tre anni fa. Quest'anno la giornata del primo maggio è dedicata alla memoria di quanti hanno perso il lavoro, di quanti hanno vissuto il dramma della morte o delle mutilazioni per un lavoro.

La Cei, si spiega in una nota, invita a riflettere e a pregare perché il lavoro sia "buono", bonificato dalle tragedie, dallo sfruttamento e dal poco rispetto dei diritti sociali e del lavoro. La veglia di preghiera avrà per tema: 'La vera ricchezza sono le persone. Dal dramma delle morti sul lavoro alla cultura della curà. «La cronaca troppo spesso ci consegna le storie di sorelle e fratelli che proprio nel luogo del loro impiego perdono la vita - si legge nella lettera inviata alle parrocchie dalla Pastorale sociale e del lavoro diretta da Michele Del Campo -, il lavoro deve permettere a tutti di darsi pane e di sostenere la vita in pienezza e senza sfruttamento. Solo rimettendo l'uomo al centro la fatica quotidiana può intessere la melodia sulla quale si innalza il canto di lode e il rendimento di grazie nel giorno del riposo".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?