"Era bella, forte mai arrendevole"

"Il film – dice Ernesto Pagano – vuole aprire uno sguardo nuovo sulle morti sul lavoro, grazie alla potenza della storia di Luana, ragazza bella, forte, mai arrendevole, uccisa sul lavoro. La giuria internazionale dei Dig Awards ha creduto in noi e ci ha premiati. Luana sarà ancora di più un simbolo nella battaglia contro le morti sul lavoro". Nella foto di Imagoeconomica il volto di Luana D’Orazio dipinto da Jorit in un murales a Roma in via Prenestina