Darwin day all’università . Scienziati a confronto

Il convegno si svolge il 17 febbraio alle 10 nell’aula magna del Pin. L’iniziativa è promossa da Rotary Lippi, Rotary Prato e Lions Castello .

Darwin day all’università . Scienziati a confronto
Darwin day all’università . Scienziati a confronto

In occasione del "Darwin" day che si celebra il 12 febbraio in memoria della nascita del grande scienziato, il Rotary Lippi (presidente Marco Giusti), il Rotary club Prato (presidente Leonardo Farsetti) e il Lions Castello (presidente Lucia Livatino) hanno organizzato per sabato 17 febbraio alle 10 nell’Aula magna del Pin in piazza Ciardi, il convegno aperto a tutti gli interessati sul tema "Origini. Sulle tracce dell’evoluzione umana". Dopo l’introduzione e i saluti delle autorità sono previsti interventi di illustri relatori. Alle 10.30 Giorgio Manzi, ordinario di paleoantropologia all’università La Sapienza di Roma e noto divulgatore scientifico interverrà su "Nel mezzo dell’evoluzione umana e alle origini di Homo sapiens". A seguire alle 11.30 Jacopo Moggi Cecchi, associato di paleoantropologia Università di Firenze che ha seguito attività di ricerca in Sudafrica, terrà una relazione su "Le fasi più antiche dell’evoluzione umana".

I lavori riprenderanno alle 15 con l’intervento di Damiano Marchi, associato di paleoantropologia università di Pisa su "Casi strani nell’evoluzione umana recente". Marchi è stato l’unico italiano nel team che ha studiato l’Homo Naledi, l’ominide scoperto in Sudafrica. Alle 16 David Caramelli, ordinario di antropologia molecolare all’università di Firenze e studioso dell’uomo di Neanderthal parlerà su "Paleogenomica ed evoluzione umana". Ultimo intervento su "Ecologia ed evoluzione umana" quello di Guido Chelazzi, ordinario emerito di ecologia umana università di Firenze, coordinatore di programmi di ricerca nazionali e internazionali. Modera Lucia Livatino.