Calamai al bis si emoziona: "La Montemurlo del 2030 sarà sicura e tecnologica"

Primo consiglio comunale a Villa Giamari: tra gli impegni del sindaco Camalai la prevenzione dal rischio idraulico e degli allagamenti. Palanghi presidente.

Calamai al bis si emoziona: "La Montemurlo del 2030 sarà sicura e tecnologica"

Calamai al bis si emoziona: "La Montemurlo del 2030 sarà sicura e tecnologica"

È stata Villa Giamari a fare da cornice alla prima seduta del nuovo consiglio comunale. Il sindaco Simone Calamai, emozionato come alla sua prima elezione, ha giurato sulla Costituzione ed ha ringraziato i montemurlesi per il rinnovo della fiducia nel suo operato. Federica Palanghi è stata riconfermata presidente del consiglio comunale con Francesco Messineo, della lista civica ’Amare Montemurlo, vicepresidente. Dopo la nomina degli assessori, sono subentrati in Consiglio comunale i primi quattro dei non eletti della maggioranza, Daniele Morreale, Eleonora Di Gioia, Vito Cautillo e Diego Cafarella.

Molti i giovanissimi alla loro prima esperienza: per la maggioranza Diego Cafarella e Giulio Arcangioli 21 anni, e per l’opposizione Antonio Matteo Meoni, 24 anni. Anche i veterani, come Amanda Ravagli e Vito Cautillo, hanno sottolineato come l’elezione in consiglio rappresenta sempre un passaggio entusiasmante. Nominati anche i capigruppo: Simona Asper per il Pd, Francesco Messineo per la lista civica ’Amare Montemurlo’, Alessio Laschi per ’Alleanza Verdi Sinistra’, Antonio Matteo Meoni per Fratelli d’Italia e Lorenzo Marchi per Forza Italia.

Il sindaco Calamai ha quindi presentato le linee programmatiche, che vedono come priorità la messa in sicurezza del territorio, dopo la terribile alluvione del 2 novembre scorso: "Tanto abbiamo fatto attraverso gli interventi di somma urgenza ma tantissimo resta da fare - prosegue il sindaco - Sarà il nostro impegno quello di trovare nuove risorse per lavorare su interventi di mitigazione ambientale, innanzitutto attraverso l’interlocuzione con la Regione e il governo. Allo stesso tempo prosegue l’impegno del Comune per risolvere criticità più lievi, ma purtroppo sempre più frequenti, come quelle degli allagamenti stradali. Stiamo lavorando con Publiacqua per mettere a punto uno studio che individui le soluzioni concrete per risolvere il problema".

L’altro grande obbiettivo che sarà perseguito nel mandato, è la concretizzazione dei 15 milioni di fondi Pnrr per dare a Montemurlo nuovi spazi pubblici e servizi:"Il Pnrr ci consentirà potenziare i servizi sanitari attraverso la costruzione della casa della comunità, i servizi sociali con spazi per ’il dopo di noi’, con la costruzione di nuove scuole e centri civici come a Oste, nuove piste ciclopedonali e attraverso il potenziamento dell’innovazione tecnologica". Ecco chi c’è in consiglio: per il Pd: Alessio Papi, Fabrizio Botarelli, Amanda Ravagli, Giulio Arcangeli, Simona Asper, Vito Cautillo, Eleonora Di Gioia, Diego Cafarella, Morreale Daniele; Messineo Francesco per Amare Montemurlo; Alessio Laschi per Alleanza Verdi Sinistra. Per l’opposizione: Lorenzo Marchi, Forza Italia; per Fratelli d’Italia Antonio Matteo Meoni, Rudj Baglioni e Barbara Di Mastrorocco.