Tartufo, Gabbanini lascia. Verso una nuova presidenza. A giorni la nomina del sindaco

Diventato assessore a Montopoli si dimette dalla Fondazione San Miniato Promozione "La scelta arriva dopo aver accettato di occuparmi di turismo in un comune limitrofo" .

Tartufo, Gabbanini lascia. Verso una nuova presidenza. A giorni la nomina del sindaco

Tartufo, Gabbanini lascia. Verso una nuova presidenza. A giorni la nomina del sindaco

Un gesto d’opportunità politica, quello di Marzio Gabbanini, neo assessore alla cultura e al turismo di Montopoli, che ad un manciata di giorni dalla nomina in giunta lascia la presidenza di San Miniato Promozione, la Fondazione che in questi anni ha rilanciato con decisione facendone il motore del turismo sanminiatese, "Pur non sussistendo motivi di incompatibilità, ritengo doveroso lasciare il mio incarico a San Miniato, dovendomi occupare di turismo in un Comune vicino - ha scritto Gabbanini nella lettera di dimissioni -. Lascio una struttura pienamente efficiente sul piano organizzativo ed amministrativo, con un bilancio in positivo, merito del grande spirito di squadra che è andato consolidandosi all’interno della Fondazione, tra tutti i suoi collaboratori. Si è trattato, per me, di una esperienza gratificante, impegnativa, con risultati che andranno, spero, a vantaggio di chi verrà a San Miniato, della squadra che con me ha lavorato con impegno e dedizione, a cui vanno i più sinceri ed affettuosi ringraziamenti".

"Ringrazio Marzio Gabbanini per l’impegno ed il grande lavoro svolto in questi quattro anni alla presidenza della Fondazione San Miniato Promozione - dice il sindaco Giglioli -, anni non semplici per la promozione di un territorio, ma che, grazie alla sua esperienza, hanno portato a risultati importanti. Penso ad esempio alla nascita del MuTart, alla ristrutturazione dell’ufficio di informazioni turistiche e allo sviluppo della mostra del tartufo, un tassello fondamentale di un progetto più ampio ed unitario che prevedeva lo sviluppo dell’intero territorio". Il sindaco è già al lavoro per l’individuazione di una nuova figura da mettere al timone della Fondazione. Intanto il vicepresidente Domenico Barsotti sarà il referente, in questo periodo di transizione.

C. B.