Organista in San Pietro con il Papa. Il maestro Carlo Fermalvento: "Sorpresa e grande emozione"

E’ stato chiamato a suonare per la messa in mondovisione del primo dell’anno dalla Federazione pueri cantores

Organista in San Pietro con il Papa. Il maestro Carlo Fermalvento: "Sorpresa e grande emozione"
Organista in San Pietro con il Papa. Il maestro Carlo Fermalvento: "Sorpresa e grande emozione"

SAN MINIATO

"Mi sono seduto all’organo in San Pietro e ho fatto quello che faccio in cattedrale a San Miniato o nella chiesa della mia parrocchia. Con una differenza. Se guardavo verso destra vedevo il Papa a pochi metri da me. E’ stato bello, emozionante e gratificante. Ringrazio chi mi ha dato questa opportunità. In primis Alberto Veggiotti, presidente della Federazione italiana pueri cantores, il maestro monsignor Marcos Pavan, direttore della Cappella Musicale Pontificia Sistina e l’organista titolare della Basilica di San Pietro, maestro Josep Solé Coll". Il 2024 è iniziato con una grande sorpresa per il maestro Carlo Fermalvento, organista e maestro di Cappella della cattedrale di San Miniato.

Fermalvento era a Roma per il Congresso internazionale dei pueri cantores che ogni cinque anni si svolge in Vaticano e nella capitale e vede la presenza di migliaia di bambini e ragazzi da tutti i Paesi del mondo che incontrano Papa Francesco e animano le celebrazioni liturgiche in molte parrocchie. Al congresso hanno partecipato anche i Pueri Cantores di San Miniato con la direttrice Marta Corti. Il maestro sanminiatese fa parte della Federazione dei Pueri Cantores e ha seguito tutto il congresso romano.

"Dalla cerimonia di apertura fino alla giornata di preghiera per la pace che ha visto gli oltre 4mila partecipanti raccolti in due distinte celebrazioni, una la mattina e una la sera, perché tutti insieme non sarebbero entrati, nella basilica di Santa Maria in Trastevere – racconta Carlo Fermalvento – Dalla Federazione mi era stato chiesto di musicare il salmo responsoriale, ma non mi sarei mai aspettato di suonare l’organo in San Pietro durante la messa del Papa. Quando mi è stato chiesto ho accettato con gioia ed emozione. E per me è stata una bella sorpresa anche la scelta della Federazione dei pueri cantores di scegliere la mia musica per il salmo responsoriale. Ringrazio anche il mio amico e collega maestro Salvatore Vivona che mi ha assistito in questo ’tour de force’ del congresso".

"Ho suonato tante volte in San Pietro – conclude il maestro Fermalvento – L’ultima quindici giorni fa per il pellegrinaggio diocesano. Ma questa volta per la messa in mondovisione del Papa è stata una sorpresa bella ed emozionante".

gabriele nuti