Empoli, 6 novembre 2020 - Terribile incendio in Fipili nella prima mattina di venerdì 6 novembre. Un'autocisterna che trasporta materiale combustibile ha preso fuoco a causa di un incidente nel tratto compreso tra Empoli e San Miniato. La strada è rimasta a lungo chiusa. La rimozione del camion e il ripristino dell'asfalto ha visto le squadre di operai e addetti lavorare a lungo. Per le 22 di venerdì 6 novembre la strada dovrebbe essere riaperta totalmente al traffico. 

Video: l'assessore, "Ecco la situazione e gli orari di riapertura"

image

Leggi anche: La dinamica dell'incidente / Tutte le foto / Video: l'incendio in Fipili visto dagli automobilisti / Videocronaca: viabilità intorno alla Fipili in tilt

image

Una densa colonna di fumo nera è rimasta visibile per diversi minuti anche a distanza. Sul posto hanno operato diverse squadre dei vigili del fuoco provenienti dai distaccamenti di Empoli, Petrazzi, Pontedera e Santa Croce, oltre ad mezzo del Comando di Prato e i nuclei Nbcr (Nucleare Biologico Chimico Radiologico) dei comandi di Firenze e Pisa.

image

Non si segnalano feriti ma la paura è stata tanta tra gli automobilisti che stavano transitando e che hanno guardato terrorizzati quello che stava accadendo. Il traffico è rimasto a lungo bloccato, con uscita obbligatoria a Santa Croce sull'Arno e ci sono state pesanti ripercussioni per i collegamenti tra la costa e l'interno della Toscana, anche sulla viabilità ordinaria. 

image

"Sono in contatto con Avr, gestore dell'infrastruttura stradale, e stiamo seguendo le operazioni si spegnimento minuto per minuto. Poi valuteremo eventuali danni alle carreggiate. Il primo obiettivo è rimettere in sicurezza la strada e ripristinare lo scorrere del traffico, per alleggerire i disagi dei pendolari che sono rimasti bloccati, anche se i tempi di ripristino non saranno brevi. Inevitabile anche una riflessione sul danno ambientale".

Lo ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti, Stefano Baccelli, a proposito dell'incendio. Secondo quanto riportato da Avr, gestore della Fipili, all'assessorato regionale, l'incidente è stato causato da una autocisterna che viaggiava in direzione Firenze che ha urtato il new jersey e perso la cisterna di gasolio che stava trasportando. Il contenitore è scivolato sull'altra carreggiata ed è divampato l'incendio.

Anche il traffico ferroviario, subito dopo l'incidente, è rimasto bloccato. E sulla linea tra Firenze e Livorno ci sono stati disagi. I convogli hanno ripreso a viaggiare intorno alle 11.30 con ovvie ripercussioni e ritardi.