Il mondo delle pelle in una mostra. Ecco il viaggio tattile di “ToccaMi“

L’esposizione è stata inaugurata ieri nello spazio Menouno studium della Masoni industria conciaria. Un percorso sensoriale usando le mani per “vedere” quello che gli occhi da soli non riescono a fare.

Il mondo delle pelle in una mostra. Ecco il viaggio tattile di “ToccaMi“

Il mondo delle pelle in una mostra. Ecco il viaggio tattile di “ToccaMi“

Partendo da una collezione di borse iconiche dell’archivio Masoni, che già da sole valgono la visita, il visitatore farà un vero e proprio viaggio sensoriale usando le mani per “vedere” quello che gli occhi, da soli non riescono a vedere. Nello spazio Menouno studium della Masoni Industria Conciaria Spa è stata inaugurata la mostra "toccaMi" alla presenza del sindaco del comune di Santa Croce Roberto Giannoni e del dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Santa Croce e Staffoli, Laura Cascianini. Gli ospiti sono stati accompagnati nel percorso in un

viaggio che, partendo dalle pelli di Masoni, attraverso attività e stimoli tattili, ha suscitato emozioni, indotto riflessioni e divertito. Il sindaco Giannoni e la Cascianini, coinvolti anche loro in questo viaggio: "Uno spazio espositivo nuovo che permetterà a tanti ragazzi di uscire dalle mura scolastiche ed entrare nel territorio per conoscerlo e soprattutto riconoscerlo come trampolino per il loro futuro". La mostra, che verrà aperta al pubblico a partire dal primo luglio e che, dal prossimo inizio di anno scolastico, accoglierà gli alunni delle scuole medie ed elementari di S.anta Croce e Staffoli, è il prosieguo naturale della precedente esposizione dal titolo "Il Colore (non) è un’Opinione" dove il mondo della conceria era stato osservato da un punto di vista “visivo”: dal momento che le pelli prima si guardano e poi subito dopo si toccano, ecco che Masoni ha dedicato al tatto, nelle sue varie sfumature, un percorso tematico coinvolgente ed educativo. Con iniziative come questa Masoni intende suscitare la curiosità e l’interesse necessari al formarsi di nuove leve preparate e competenti di cui il comparto avrà sempre più bisogno per restare protagonista del mercato

Carlo Baroni