Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
18 giu 2022

"Per prenotare una visita ho chiamato il sindaco"

La denuncia del dottor Andrea Ferreri, referente della Fimmg zona del Cuoio: "L’Asl pensa solo a Firenze e il potenziamento dei servizi territoriali non c’è"

18 giu 2022
gabriele nuti
Cronaca
Il dottor Andrea Ferreri, referente della Fimmg per i Comuni della zona del Cuoio
Il dottor Andrea Ferreri, referente della Fimmg per i Comuni della zona del Cuoio
Il dottor Andrea Ferreri, referente della Fimmg per i Comuni della zona del Cuoio
Il dottor Andrea Ferreri, referente della Fimmg per i Comuni della zona del Cuoio

San Miniato (Pisa), 19 giugno 2022 - "L’Asl è Firenzecentrica, i sindaci, che sono la massima autorità sanitaria dei Comuni, non hanno o non vogliono avere potere nei confronti della stessa Asl. I trasporti pubblici sono insufficienti e il tanto sbandierato potenziamento dei servizi territoriali non è stato attuato. Anzi...". Andrea Ferreri è il fiduciario del sindacato Fimmg (Federazione italiana medici medicina generale) per i Comuni di San Miniato, Santa Croce, Castelfranco e Montopoli.

"Mi sono deciso a uscire pubblicamente – racconta il dottor Ferreri – dopo un episodio che è accaduto a una mia paziente ottantaduenne. La signora è venuta in ambulatorio perché aveva l’affanno. L’ho visitata e ho riscontrato un sospetto scompenso cardiaco di primo esordio. Le ho dato la cura e tramite il Fast and Truck ho richiesto un approfondimento di natura cardiologica. La regola del servizio è che la prestazione deve essere eseguita entro le 72 ore. Il primo posto disponibile era a Borgo San Lorenzo, oppure Careggi o Pelago".

"Ora, mi chiedo, è questa la tanto sbandierata sanità territoriale? Una persona di 82 anni come fa ad andare a farsi visitare da San Miniato a Borgo San Lorenzo? La mando con il taxi? I trasporti pubblici in queste zone molto periferiche sono scarsi, è già difficile per uno di Corazzano arrivare a San Miniato – aggiunge Ferreri – Allora ho chiamato il sindaco e gli ho illustrato il problema. Il posto è nstato trovato dopo cinque giorni a Empoli. Ma è normale che un medico per prenotare una visita a un suo paziente debba rivolgersi al sindaco?".

Il sindaco Simone Giglioli tiene a precisare alcuni aspetti: "È vero che c’è un problema di liste d’attesa e qui nel Valdarno, come nell’Empolese Valdelsa, ancor più marcato". "Detto questo non vorrei che passasse il messaggio che per avere la visita basta chiamare il sindaco – precisa Giglioli – Il dottor Ferreri mi ha fatto presente il problema di avere un posto entro le 72 ore come prevede il Fast and Truck, ho posto la questione alla Asl e alla signora è stato dato un appuntamento, a questo punto non dopo 72 ore ma dopo cinaque giorni perché si era liberato un posto. I problemi ci sono e tutti i quindici sindaci della Società della salute ne abbiamo parlato con la Asl con toni anche piuttosto accesi. La Asl si è impegnata ad attivare più convenzioni con i privati".

"Sono anni che chiediamo come Fimmg di incontrare il direttore generale della Asl – conclude Ferreri – al quale vorremmo portare le nostre proposte. Ogni giorno ci viene chiesto di compilare un modulo nuovo e con la smaterializzazione consumiamo il triplo di carta. Ci sono moduli che addirittura dobbiamo compilare a mano. Per non parlare del problema della sostituzione dei colleghi pensionati. I nuovi medici non arrivano e il carico si riversa su di noi che stiamo dalle 5 alle 6 ore al giorno a fare prescrizioni via computer o telefono...".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?