Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Un’altra lista civica per Fratoni "Noi siamo la sinistra di governo"

"Pistoia progresso" guidata dalla consigliera comunale uscente Federica Bonacchi: "Portiamo avanti il lavoro". La candidata sindaco: "E’ una proposta che guarda a temi come sostenibilità, ambiente e solidarietà"

La candidata a sindaco Federica Fratoni insieme ad alcuni esponenti della lista civica che la sostiene, «Pistoia Progresso»
La candidata a sindaco Federica Fratoni insieme ad alcuni esponenti della lista civica che la sostiene, «Pistoia Progresso»
La candidata a sindaco Federica Fratoni insieme ad alcuni esponenti della lista civica che la sostiene, «Pistoia Progresso»

"Questa lista nasce con l’intento di essere la sinistra del governo cittadino, una sinistra concreta, che sia da costante stimolo progressista alle politiche dell’amministrazione comunale e, quando necessario, anche da pungolo". È un estratto di quanto si può leggere nel manifesto di "Pistoia progresso", la lista civica "inclusiva, ecologista e solidale" che sostiene la candidata sindaca del centrosinistra Federica Fratoni e che si è presentata alla città davanti alla Fortezza Santa Barbara, la cui forma è riportata anche nel simbolo.

"Un luogo di libertà, di liberazione, di resistenza – chiosa la capolista Federica Bonacchi – è da questi valori che vogliamo ripartire, per guardare al futuro immaginando nuovi strumenti di crescita e sviluppo, diretti a sostenere e promuovere il lavoro, la sostenibilità ambientale, la cultura, la solidarietà, l’inclusione sociale e le politiche abitative".

Bonacchi è consigliera comunale uscente di "Pistoia Città di Tutti", lista nata nel 2017 a sostegno della candidatura di Bertinelli: "L’esperienza in questi cinque anni è stata molto formativa e ci dispiaceva disperdere questo capitale umano – spiega – oggi rappresentiamo una nuova realtà, che fa tesoro dell’eredità precedente con l’idea rinnovata di dare voce a un civismo di sinistra".

E a temi che, in linea di massima, sono cari anche alle forze eco-progressiste, che corrono in proprio: "A mio avviso per dare voce a certe istanze occorre confrontarsi con i soggetti politici maggiormente rappresentativi. Siamo per un dialogo di largo campo – conclude Bonacchi – vogliamo dare forza ai valori di sinistra all’interno di un progetto più grande, con una visione di più ampio respiro".

Soddisfatta la candidata sindaca: "Un’esperienza che si rifà ai valori più connotanti della sinistra come sostenibilità, ambiente, solidarietà, inclusività, tutela dei diritti, contrasto alle disuguaglianze – chiosa – una proposta che si fa carico delle fasce più deboli della nostra popolazione e delle necessità di tutelare il mondo in cui viviamo". La lista completa dei candidati non è stata ancora resa nota, ma tra gli altri saranno della partita Filippo Colosi, Federico Filoni, Alessandro Bardi, Lido Berti, Guido Amerini, Abdelkader Diani e Arianna Benigni.

Quest’ultima, in particolare, proviene da Articolo Uno, forza politica che sulla carta sostiene Branchetti: "Al momento il mio sostegno alla candidatura di Fratoni è a titolo personale", chiarisce. Non è che la conferma che in seno al partito, sul tema dell’appoggio o meno ai sindaci dem, le acque continuino ad essere piuttosto agitate.

Alessandro Benigni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?