The influencer vince il concorso Rafanelli

La Compagnia degli evasi prima classificata. Miglior attore Michele Cimmino, migliori attrici Raffaella Afeltra e Antonella Cozza

The influencer vince il concorso Rafanelli
The influencer vince il concorso Rafanelli

La Compagnia degli evasi di Castelnuovo Magra (La Spezia) conquista i premi per il migliore spettacolo e la migliore regia alla sedicesima edizione del concorso teatrale per compagnie amatoriali ‘Fabrizio Rafanelli’ di Bottegone. ‘The influencer’, presentato dalla Compagnia degli evasi è stato, infatti, riconosciuto dalla giuria come migliore spettacolo di questa edizione e la migliore regia quella di Alessandro Vanello, per lo stesso spettacolo. ‘The Influencer’, porta in scena la vicenda di due famiglie con mentalità diversa: quella di Teo e Lisa con una mentalità giovanile e di ampie vedute e quella di Alfio e Mara famiglia stereotipata al soldo e senza valori culturali. Miglior attore Michele Cimmino per lo spettacolo ‘Niente progetti per il futuro’, della compagnia Futura teatro di Firenze, regia di Alessio Coluccia. Migliori attrici, ex-equo, Raffaella Afeltra per ‘La gatta sul tetto che scotta’, della compagnia Giardini dell’arte di Firenze per la regia di Marco Lombardi e Antonella Cozza nello spettacolo ‘Variazioni sulla quarta corda’, di Schio Teatro 80 di Vicenza, per la regia di Paolo Balzani.

Il miglior caratterista maschile è risultato Iacopo Biagioni per ‘Delitto a Villa Albani’, presentato dalla compagnia Laboratorio Arca di Firenze, regia di Samuel Osman. La migliore caratterista femminile è Rossella Gagliardi per ‘La sposa sono io’, della compagnia La Tartaruga di Pisa, testo e regia di Luca Dieci. Il Premio Uilt (Unione italiana libero teatro) è stato assegnato allo spettacolo ‘Niente progetti per il futuri’, della compagnia Futura teatro di Firenze. Il concorso ‘Monologhi-Donne, vita, morte e miracoli’ (prima edizione) è stato vinto ex-equo da Alessandra Frassoni con ‘Madonna Oretta’ dal Decamerone di Giovanni Boccaccio e Rossella Gagliardi con ‘Il Teatro dei giardinieri’ di Karl Valentin. Il premio ‘Una vita in scena’ quest’anno è andato a Luigi Tronci come riconoscimento ad un pistoiese che si è particolarmente distinto sulla scena cittadina. Luigi Tronci, infatti, è una figura di spicco nella cultura musicale pistoiese e non solo sia per le sue radici familiari che per la produzione di piatti musicali artigianali con la Ufip. La premiazione si è svolta alla Casa del popolo di Bottegone, che ha ospitato, a ingresso libero, tutti gli spettacoli e i monologhi.

Il concorso teatrale nazionale ‘Fabrizio Rafanelli’ che tiene viva la memoria del regista e attore pistoiese Fabrizio Rafanelli, è un progetto a cura dell’associazione culturale Zona teatro libero e del comune di Pistoia, in collaborazione con Unione italiana libero teatro, Arci Pistoia, Casa del popolo di Bottegone e Unicoop Firenze sezione soci di Pistoia. Si chiude così l’edizione 2023 del concorso ‘Rafanelli’ che anche quest’anno si è svolto con grande successo, grazie alla sinergia tra i vari soggetti, l’impegno dei coordinatori Franco Bardelli e Giacomo Bardi e del direttore artistico Giuseppe Golisano, nonché per l’apprezzamento dell’affezionato pubblico e la qualità degli spettacoli.

Piera Salvi