Non solo maschere e coriandoli. Ci sono anche le scuole di danza

Il Carnevale Pistoiese ha attirato molte persone, con bambini e famiglie che hanno indossato costumi originali. I carri allegorici hanno sfilato nel parco, mentre le scuole di danza hanno offerto spettacoli coinvolgenti. Le maschere più belle sono state premiate.

Non solo maschere e coriandoli. Ci sono anche le scuole di danza

Non solo maschere e coriandoli. Ci sono anche le scuole di danza

PISTOIA

Sono state tantissime le persone che hanno partecipato al secondo appuntamento con il Carnevale Pistoiese in piazza della Resistenza. festosamente invasa dalle mascherine. Tanti i bambini con i loro costumi più disparati e decisamente originali ma non sono mancati i gruppi di amici e soprattutto le famiglie che in alcuni casi hanno dato vita a delle vere e proprie storie animate. Dai personaggi della Sirenetta, a Cappuccetto Rosso, la nonna e il lupo, a vestiti stravaganti ed eccentrici raffiguranti oggetti della vita quotidiana. I pistoiesi hanno dimostrato di essere affezionati al loro carnevale che piano, piano sta diventando un punto fisso nel calendario cittadino. Il parco si è presentato vestito a festa ed i carri allegorici hanno fatto la loro sfilata lungo i vialetti del giardino per la gioia dei bambini e come sempre l’organizzazione curata dai quattro rioni cittadini è stata impeccabile.

Curiosità e tanto entusiasmo c’è stato anche per le esibizioni delle scuole di danza che hanno proposto balletti molto scenografici e di livello oltre a coinvolgere i bambini presenti. Le vere protagoniste, come è giusto e normale che sia, sono state le maschere ed anche in questo secondo corso c’è stata la premiazione di quelle più belle ed originali per il concorso "La maschera più bella" indetto dal nostro giornale. Ad aggiudicarsi i premi messi in palio da Conad e Andreini Giocattoli sono stati Dayana Salute con il suo costume da Crudelia De Mon, Michael Pischedda e la sua maschera da Gnomo, Alessandro Di Mauro con uno splendido It il Pagliaccio, Alessio e Sara Borselli, padre e figlia, vestiti da George e l’Uomo dal cappello giallo e Sofia Frau, Silvia e Stefano Giannelli vestiti con i personaggi della Sirenetta. Maurizio Innocenti