Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

"Gestione dei rifiuti, sicurezza e mobilità"

Legambiente interroga i candidati sindaco di Pistoia anche sul futuro dell’ex Breda: l’elenco delle priorità in un lungo documento

di Patrizio Ceccarelli Dai rifiuti all’acqua, passando per la messa in sicurezza del territorio pistoiese da frane e alluvioni, fino alla mobilità pubblica urbana, extraurbana e ciclabile, senza dimenticare la ztl, lo smart working, l’agricoltura, le attività venatorie, il verde pubblico e la scuola. Sono soltanto alcuni dei punti che Legambiente Pistoia ritiene "prioritari per favorire un cambiamento della società e dell’economia nella direzione di una maggiore equità sociale e sostenibilità ambientale" e che ha inserito in un documento, presentato ieri nel corso di un incontro al parco di Monteoliveto, alle forze politiche e ai candidati, non solo alla carica di sindaco (alcuni non presenti), che partecipano alle elezioni comunali del 12 giungo, chiedendo loro di tenere conto dell’analisi fatta da un team di esperti dell’associazione ambientalista. "Abbiamo evidenziato molti dei problemi di Pistoia – afferma Antonio Sessa, presidente del circolo locale di Legambiente, che conta oltre 500 soci – Secondo noi, con i fondi del Pnrr e della transizione ecologica, si potrebbero recuperare o riconvertire molte delle aree degradate che abbiamo indicato, restituendole alla fruizione dei cittadini". Il documento, che si compone di quindici pagine, entra nel merito anche di alcune questioni che sono state cavalli di battaglia in passato e nelle ultime settimane dell’associazione ambientalista, come il futuro delle Ville Sbertoli, per le quali "riteniamo che sia quantomeno imprescindibile un impegno – si spiega – volto a recuperare e rendere di nuovo fruibile alla cittadinanza l’ampia area a parco, attraverso un’opera di ripulitura del sottobosco e delle piante arboree infestanti e soffocanti". Sempre per quanto riguarda le Ville Sbertoli, viene anche ribadita "la nostra contrarietà – si spiega – all’utilizzo dell’area ai fini dell’addestramento militare, in ragione del valore storico e ambientale della stessa". Sull’area ex Breda, altro nodo cruciale per il rilancio della città, per Legambiente "dovranno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?