ENRICO MATTIA DEL PUNTA
Pisa

San Giuliano Terme, Elisa Pistelli è la prima presidente del consiglio comunale donna

Nella seduta del 2 luglio, l'aula ha espresso la preferenza per la neo eletta presidente, che avrà anche le deleghe ai diritti civili e pari opportunità

Elisa Pistelli

Elisa Pistelli

San Giuliano Terme, 5 luglio 2024 - Nella seduta del Consiglio comunale di San Giuliano Terme del 2 luglio scorso, la prima dopo le elezioni dello scorso giugno, si è tenuta l’elezione della presidenza del Consiglio che ha visto per la prima volta eleggere una donna. Il ruolo di seconda carica della città termale è stato infatti attribuito alla consigliera comunale Elisa Pistelli, prima eletta nelle file del Partito democratico (e consigliera “anziana” per il calcolo del coefficiente tra preferenze personali e voti della lista). Starà dunque a Pistelli, eletta a maggioranza (19 favorevoli, 4 bianche, 1 nulla), presiedere l’assemblea sangiulianese e tutte le funzioni inerenti alla direzione dei lavori e alle relative attività durante la consiliatura. Nell’occasione è stato eletto anche il vicepresidente del Consiglio, identificato in Fabrizio Ferri (Fratelli d’Italia) che ha ottenuto l’elezione a maggioranza (18 favorevoli e 6 bianche). Ma quello di Pistelli non sarà un ruolo esclusivamente piegato sull’aula. Come annunciato durante la presentazione della squadra di giunta circa una settimana fa, il sindaco Matteo Cecchelli ha destinato all'incarico di Presidente del Consiglio le deleghe dei Diritti civili e delle Pari opportunità.

“Mi congratulo – afferma il sindaco Cecchelli –, con la presidente Pistelli per il risultato ottenuto e soprattutto le auguro buon lavoro nel ruolo di seconda carica cittadina. Ho voluto destinare due importanti deleghe come i diritti civili e le pari opportunità alla presidente del Consiglio non solo perché possano essere temi verso i quali dedicarsi con specifica attenzione, ma anche per rafforzare l’importanza di un ruolo che esercita i propri poteri nel solco delle regole di libertà e democrazia, oltre a dare l’opportunità ad una funzione spesso confinata all’esclusivo andamento del Consiglio di poter aprirsi alla collettività". 

“Per me è un grande onore sedere sul massimo scranno del Consiglio - afferma la neo eletta presidente –, una responsabilità che porterò avanti con massima onestà e serietà, partendo da imparzialità e ascolto, coinvolgendo con equilibrio tutte le parti. È mia intenzione di essere la presidente di tutte e tutti, della minoranza e della maggioranza ed esercitare nel pieno rispetto statuto legge e regolamenti. Nostro impegno sarà quello di non perdere mai di vista i valori fondanti della democrazia di cui siamo emanazione diretta, di lavorare sinergicamente, con spirito collaborativo e costruttivo nell’interesse unico del nostro territorio e delle nostre concittadine e concittadini".