Fiumi, la grande paura. Passate entrambe le piene, restano tanti detriti

"Sono caduti 200 millimetri di pioggia in pochi chilometri quadrati tra Livorno, Pisa e Valdera, quando la media annuale è di 8000 millimetri"

Pisa, 4 novembre 2023 – E’ in corso dalle 18 di ieri il passaggio della piena dell’Arno, ma dopo un giorno intero di preoccupazione Pisa può tirare un sospiro di sollievo: quando il picco, a buio, raggiunge la città i dati tecnici ridimensionano le previsioni con una portata d’acqua di 950 metri cubi al secondo rispetto ai circa 1500 previsti solo qualche ora prima e un’altezza di 2,5 metri significativamente al di sotto del primo livello di guardia fissato a 3 metri e mezzo.

L’Arno corre con il suo carico di detriti verso il mare, ma senza il vento cattivo che da giovedì sera ha sferzato e ferito la città, non fa paura. Sembra meno gonfio del mattino, sfila via senza spaventare chi si affaccia a scattare foto. Il sindaco Michele Conti dal Ponte di Mezzo segue da vicino: "La piena non ci preoccupa - ammette - ma è stata una giornata difficilissima dove abbiamo cercato di stare il più possibile vicini alla popolazione colpita da questo evento climatico eccezionale e del tutto imprevedibile con queste dimensioni. Sono caduti 200 millimetri di pioggia in pochi km quadrati e in poche ore tra Livorno, Pisa e la Valdera, quando la media annuale è di 800 millimetri".

Una lunghissima notte. La piena del Serchio è invece passata senza danni ieri prima dell’alba. Alle 4.30 il fiume con una portata di 980 metri cubi al secondo ha raggiunto 8.34 metri di altezza, pur restando saldamente negli argini. "Abbiamo presidiato il Centro operativo comunale - ha detto il sindaco di Vecchiano, Massimiliano Angori - e siamo stati in giro sul territorio, in costante contatto con l’amministrazione comunale del Comune di San Giuliano Terme. Per fortuna senza registrare alcuna segnalazione particolare da parte della popolazione". Il coc è stato presieduto dal primo cittadino stesso e dalla Giunta comunale con l’ufficio tecnico comunale e la polizia municipale.

Angori ha anche ricordato che "le golene a Vecchiano non sono state impegnate, se non nella parte iniziale, tuttavia faremo ulteriori sopralluoghi per verificare le effettive esigenze che dovessero manifestarsi a livello locale, così come è sempre stata garantita la percorrenza della viabilità comunale e l’apertura di tutte le scuole: ringrazio i volontari della protezione civile della Pubblica Assistenza di Migliarino che hanno collaborato con noi nel presidio del territorio".

Gab. Mas.