Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
20 mag 2022

Lotta alle zanzare, gli interventi messi a punto dal Comune di Vecchiano

Canarini: "dal 2017 ha intrapreso una serie di azioni per la lotta alle zanzare coerentemente con le linee guida delle autorità sanitarie"

20 mag 2022
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori

Vecchiano (Pisa), 20 maggio 2022 - Iniziati sul territorio di Vecchiano gli interventi antilarvali e, contemporaneamente, la distribuzione gratuita delle pasticche ai cittadini. "Il primo trattamento antilarvale è stato effettuato lo scorso 11 maggio, il prossimo è in programma l'8 di giugno", spiega il sindaco Massimiliano Angori. "Per quanto riguarda la distribuzione delle pasticche che i cittadini possono ritirare gratuitamente per effettuare i trattamenti presso le loro abitazioni private, il prossimo appuntamento è per il 27 maggio", aggiunge il primo cittadino.

ZANZARE - "L’amministrazione comunale di Vecchiano dal 2017 ha intrapreso una serie di azioni per la lotta alle zanzare coerentemente con le linee guida delle autorità sanitarie, che raccomandano il ricorso alla lotta adulticida esclusivamente come mezzo necessario solo in via straordinaria, nel caso di gravi e comprovati livelli di infestazione, nel quadro di una lotta integrata e mirata su aree e siti specifici, dove i livelli di infestazione hanno superato la ragionevole soglia di sopportazione", spiega l'assessore all'Ambiente, Mina Canarini. "Infatti la disinfestazione contro le zanzare adulte può eliminare solo una parte delle zanzare presenti al momento del trattamento e, quindi, la sua efficacia è circoscritta sia nello spazio sia nel tempo e la loro presenza si ripristina entro pochi giorni. Inoltre le numerose ricerche scientifiche dimostrano che le zanzare diventano rapidamente resistenti alle sostanze chimiche e la resistenza si forma in modo più rapido in quelle specie di zanzare dall’areale ridotto, come l’Aedes albopictus (zanzara tigre). Ne consegue che condurre una lotta chimica alle zanzare significa, in realtà, addestrarle e renderle immuni alle nostre armi ed è quindi controproducente e pericolosa. Ma la letteratura scientifica e le ricerche indicano, anche, la contaminazione da pesticidi come una delle cause della perdita di biodiversità, che è un fattore della salute umana. Gli insetticidi ad azione adulticida non sono selettivi, ma agiscono a largo spettro, per cui risultano altamente tossici per le popolazioni di api e in generale per gli altri insetti impollinatori presenti nell’ambiente urbano, riducendo drasticamente i predatori naturali delle zanzare (rondini, pipistrelli, uccelli insettivori, libellule, gechi, lucertole, rane e rospi), con il paradossale risultato di avere, anche a breve, una popolazione sempre più abbondante proprio di questo fastidioso insetto, la zanzara. Quindi la lotta alle zanzare si fa con misure di prevenzione: eliminando tutti i ristagni d’acqua, anche i più piccoli, delle dimensioni di un sottovaso, dove le zanzare si riproducono, e trattando caditoie e tombini con prodotti larvicidi, come le pasticche che il nostro Comune distribuisce gratuitamente da anni. La ditta incaricata dal Comune è già al lavoro dunque sia per gli interventi sul territorio, sia per gli appuntamenti dedicati alla consegna gratuita delle pasticche antilarvali, per una spesa complessiva annuale a carico del Comune pari a circa 2500 euro"

M.B.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?