"La Regione taglierà 200-250 sanitari. Chi va in pensione non sarà rimpiazzato"

L’allarme del sindacato medici Anaao: "Va abolito il tetto di spesa è capestro anche per il triennio 2024-2026. Il risparmio di 130 milioni di euro si farà sul personale, queste sono le nostre stime"..

"La Regione taglierà 200-250 sanitari. Chi va in pensione non sarà rimpiazzato"
"La Regione taglierà 200-250 sanitari. Chi va in pensione non sarà rimpiazzato"

"Si stima che la Regione Toscana debba tagliare spese per almeno 100-130 milioni di euro sull’intero personale sanitario dai medici, agli infermieri, agli operator socio sanitario, ai tecnici amministrativi. E si presume lo si faccia non rimpiazzando chi va in pensione".

Il sindacato dei medici Anaao attraverso Gerardo Anastasio fa chiarezza su quanto trapelato su alcuni media. Dalla Regione, si scrive che "si possa prospettare la riduzione di 200-250 unità complessive nell’intero comparto sanitario". "La Regione Toscana assieme ad altre ha speso troppo nel personale e non è solo colpa del Covid": dice Anastasio. Ha speso troppo rispetto a che cosa? "Rispetto a quel "maledetto" tetto di spesa che fu messo nel lontano 2009 quando al Governo c’erano Berlusconi e Tremonti; cosa che è stata ricordata alla Meloni dalla Schlein in un dibattito televisivo". Cosa impone quel tetto di spesa? "Che non si possa spendere di più di quanto si spese nel 2004. Ma oggi siamo nel 2024! C’è stato inoltre un necessario aumento di spesa, durante il Covid. Ma il vero problema, il vero capestro è quel tetto di spesa. E lottiamo per la sua abolizione da non meno di dieci anni". Come e dove verranno fatti i tagli al personale? "Non lo sappiamo con certezza. La Regione deve risparmiare circa 130 milioni di euro sul personale. Sono stime nostre, non della Regione. Di certo non riguarderà solo i medici. Vanno pesate "le teste" ossia bisognerà fare i conti su quanto costano, in termini di personale, i vari comparti della sanità. La delibera che non ci convince è quella che è stata appena varata dalla Regione e cioè la numero 40 del 2024 con cui si affronta la riorganizzazione del sistema soprattutto del personale per il triennio 2024-2026".

E proprio in quella delibera c’è nuovamente il rimando ai limiti di spesa: "…con un limite di spesa che ammonta, a livello regionale, al valore della spesa prevista dall’art. 2 comma 71 della Legge n. 191 del 2009 diminuito dell’1,4%". "Anche se il bilancio sanitario regionale fosse dei migliori – dice Anastasio – quel tetto rimane un capestro". Intanto dalla Regione, in una nota di gennaio, si fa sapere "Per il 2024 è atteso che i piani possano produrre una riduzione di circa 200-250 unità nella dotazione complessiva del personale, pari allo 0,4 per cento. Ciò significa che il turn over sarà garantito nella grande maggioranza delle situazioni, con un’attenzione particolare alla salvaguardia di medici e professioni sanitarie per assicurare quantità e qualità dei servizi sanitari erogati ai cittadini. La Toscana è una delle regioni italiane che ha più dipendenti pubblici impiegati nel sistema sanitario, con 57.199 unità attive ed ha il rapporto più alto di medici e infermieri ogni mille abitanti: 2,4 e 6,2 rispetto ad un media italiana di 1,8 e 4,8. Carlo Venturini