Una coppia è finita a processo per stalking ai danni dell’ex di lei. Una storia tra ragazzini, strascico di ruggini e gelosie sulle ceneri di una relazione finita, è diventata un processo davanti il giudice del tribunale di Pisa Messina nel quale la parte offesa è parte civile con l’avvocato Concetta Gugliotta....

Una coppia è finita a processo per stalking ai danni dell’ex di lei. Una storia tra ragazzini, strascico di ruggini e gelosie sulle ceneri di una relazione finita, è diventata un processo davanti il giudice del tribunale di Pisa Messina nel quale la parte offesa è parte civile con l’avvocato Concetta Gugliotta. E’ stato il ragazzo, poco più che ventenne, a raccontare quello che è successo dopo essere stato insieme con la ragazzina dal 2016 al 2018. "Ci lasciammo – ha detto il aula – anche perché lei faceva uso di sostanze e a me non piaceva. Dopo che la relazione si è conclusa si è messa con un altro, ci siamo lasciati male, e per giunta abitiamo anche vicino". Il che non ha aiutato le cose. Un giorno, stando al racconto del giovane, la ex avrebbe preso a pedate la porta sul retro della casa del ragazzo, in un’altra circostanza lo avrebbe aggredito per le scale mettendogli le mani addosso e poi sarebbero iniziata la sequenza di offese e minacce su Whatsapp. Ma siamo solo all’inizio perché poi sarebbe entrato in campo anche il nuovo amore della ragazzina, un 30enne che – è emerso – probabilmente agiva per la gelosia della precedente relazione. Sarebbe stata lei a dire alla vittima: "vai via che lui ti fa del male". Parole che precedettero un incontro fuori da una discoteca a Firenze dove il ragazzo vide avvicinarsi il 30enne che, stando al racconto, fu fermato dai suoi amici prima che lo percuotesse con una cintura. In aula giovanissimi testimoni a raccontare dettagli degli episodi. La coppia a processo – lei è 22enne – è assistita dall’avvocato Nicola Giribaldi.

C. B.