Educazione finanziaria e nuove tecnologie

Unione Industriale Pisana e Camera di Commercio con Banca d’Italia e Università di Pisa.

Educazione finanziaria e nuove tecnologie

Educazione finanziaria e nuove tecnologie

Educazione finanziaria nelle scuole per giovani consapevoli e responsabili nella gestione del denaro. Arriva a Pisa il progetto pilota "Educazione Finanziaria e nuove tecnologie" promosso dall’Unione Industriale Pisana in compartecipazione con la Camera di Commercio e in collaborazione con Banca d’Italia, Università di Pisa e Scuole del territorio.

L’obiettivo è di rendere i giovani cittadini consapevoli e capaci di partecipare pienamente alla vita economica del territorio. Sono quattro le scuole superiori del territorio pisano coinvolte nel progetto: Liceo Buonarroti, Liceo Carducci, ITE Pacinotti e Liceo Pesenti di Cascina. "Non possiamo ignorare – spiega Andrea Madonna, presidente dell’Unione Industriale Pisana –, che in passato anche la nostra associazione ha vissuto casi di aziende che sono fallite e hanno dovuto chiudere. Nella maggioranza dei casi il motivo era riconducibile alla gestione finanziaria. Crediamo quindi che sia importante sviluppare progetti di formazione per le nuove generazioni". Alla presentazione del progetto hanno partecipato anche Michele Conti, sindaco di Pisa, Valter Tamburini, presidente Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest, Stefano Ercoli, vicedirettore Banca d’Italia sede di Livorno e Patrizia Alma Pacini, vicepresidente Unione Industriale.

"Questo programma – spiega Patrizia Alma Pacini, ideatrice del progetto -, consente ai ragazzi di riflettere sul buon uso del danaro e di affrontare anche i temi della cyber security e di etica della finanza legate alla crescita delle monete virtuali".

E.M.D.P.