Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
21 mag 2022

Da Capaci a Via d’Amelio: percorso della Memoria a Vecchiano nel trentennale dalle stragi

Appuntamento lunedì 23 maggio alle 15.30 in Piazza Falcone e Borsellino a Vecchiano per la prima cerimonia in ricordo delle vittime di Capaci

21 mag 2022
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori
Il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori

Vecchiano (Pisa), 21 maggio 2022 – “1992-2022 Da Capaci a Via D’Amelio”: è questo il titolo delle iniziative messe a punto dal Comune di Vecchiano per commemorare le vittime delle stragi di mafia. “A 30 anni da quei terribili eventi che sconvolsero l’Italia, la nostra Amministrazione Comunale ha ritenuto di mettere a punto un programma con una sorta di ponte della memoria tra le date delle morti del Giudice Giovanni Falcone e del Giudice Paolo Borsellino, da maggio a luglio, perché quel 1992 è ancora drammaticamente impresso negli occhi degli italiani, che ancora oggi celebrano questi nostri eroi moderni che hanno perso la vita in nome della legalità e di una società più giusta. Come istituzioni abbiamo il preciso dovere di perpetrare la loro memoria nel tempo”, afferma il Sindaco Massimiliano Angori. “Il programma degli eventi dedicati alla strage di Capaci, che ricorre il 23 maggio, vedrà lunedì prossimo alle 15.30 una semplice cerimonia istituzionale con deposizione di corona di alloro in Piazza Falcone e Borsellino a Vecchiano”, spiega l’Assessora alla Legalità, Sara Giannotti. “Invitiamo i cittadini e le cittadine che lo vorranno, inoltre, a partecipare portando con loro un pensiero scritto, che apporremo all’albero presente nella piazza, che diverrà simbolicamente il nostro Albero della Legalità. Alle 17.15, poi, ci sposteremo a Pisa, dove il Comune di Vecchiano aderisce alla iniziativa di Libera, messa a punto per omaggiare il ricordo della strage di Capaci, con un “percorso della memoria” per ricordare questi tragici eventi e rinnovare il proprio impegno istituzionale per il contrasto a tutte le mafie”. “Sono i primi due appuntamenti, che ci porteranno verso il trentennale dell'uccisione di Paolo Borsellino, avvenuta nel mese di luglio del 92, con ulteriori iniziative: stiamo infatti mettendo a punto una serie di eventi che vedranno anche il coinvolgimento dei ragazzi delle scuole, affinchè la memoria di questi eventi tragici per il nostro Paese non vada mai perduta, e anche le giovani generazioni comprendano il senso profondo di una lotta come quella alla mafia e alla criminalità organizzata, in nome di uno Stato più giusto che sia davvero Stato di tutti”, conclude l’Assessora Giannotti.

M.B.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?