Controlli a tappeto sulla merce: 66 denunce

Nel 2023, i Carabinieri Forestali di Pisa hanno effettuato oltre 3500 controlli per la tutela dell'ambiente e della fauna, portando al deferimento di 66 persone e al sanzionamento di altre 292. Sono state inoltre emesse 839 certificazioni per il riesporto di materiali da specie animali minacciate di estinzione.

Controlli a tappeto sulla merce: 66 denunce
Controlli a tappeto sulla merce: 66 denunce

La tutela dell’ambiente e della fauna che lo abita. Oltre 3500 i controlli nei vari settori che compongono la materia. E’ una delle cifre del bilancio dei controlli specifici sul territorio.

Nell’ambito delle attività di settore, svolte nella provincia di Pisa dai reparti dipendenti dal Gruppo carabinieri forestale di Pisa, che comprende i Nuclei carabinieri Forestali di Pisa, San Rossore – Reparto a cavallo, Calci, Pontedera, Volterra, Riparbella e Pomarance, il Nipaaf di Pisa ed Il Nucleo carabinieri Cites di Pisa, all’aeroporto, durante il 2023, sono stati effettuati 3.519 controlli nei settori di competenza che hanno interessato 1.057 persone e 193 veicoli.

Questa attività ha pprtato al deferimento di 66 persone all’autorità giudiziaria per reati di natura ambientale e il sanzionamento amministrativo di 292 persone per un importo complessivo notificato pari a 221.787,33 euro.

I controlli hanno riguardato prevalentemente la tutela del territorio, con la vigilanza sulle attività forestali e sul corretto utilizzo della risorsa idrica. Particolare rilievo hanno inoltre rivestito i controlli per la tutela di flora e fauna, ed in particolare sia per l’attività venatoria che la tutale del benessere animale.

I carabinieri forestali della provincia di Pisa sono stati inoltre impegnati nelle verifiche relative a discariche rifiuti, dedicando 232 controlli nel settore che hanno portato al deferimento di 23 persone e al sanzionamento amministrativo di altre 44 per oltre 48.115 euro complessivamente.

Prevenzione nell’ambito degli incendi.

Anche nel settore della protezione dagli incendi l’attività ha prodotto 52 controlli con 13 sanzioni amministrative contestate, prevalentemente per il mancato rispetto delle norme sugli abbruciamenti, per oltre 2400 euro complessivi.

Due persone sono state deferite all’Autorità giudiziaria per incendio colposo.

La tutela delle specie protette. Consistente anche l’attività amministrativa svolta dal Nucleo carabinieri Cites, impegnato nelle pratiche che hanno portato alla produzione di 839 certificazioni di riesportazione di materiali da specie animali minacciate di estinzione. In particolare hanno riguardato prodotti in pelle, pellame, proveniente da svariati paesi europei ed extraeuropei, cui si è associata l’attività ispettiva nelle aziende del comprensorio.