Fuori dal complesso residenziale (foto Cappello)
Fuori dal complesso residenziale (foto Cappello)

Pisa, 16 settembre 2020 - Sedici appartamenti inagibili in un complesso residenziale di via F.lli Antoni, zona aeroporto. La causa è un dissesto statico che ha costretto i vigili del fuoco a intervenire nel pomeriggio di oggi.

Le famiglie sono state costrette a recuperare i propri beni di prima necessità e ad allontanarsi. Sul posto anche Polizia municipale di Pisa e Protezione civile.

"Pur trattandosi di una questione interamente tra soggetti privati il Comune è pronto a farsi carico delle spese alberghiere di coloro che, costretti ad abbandonare le proprie case, ne avessero bisogno nei prossimi giorni". Lo ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti, dopo un sopralluogo nell'edificio dove oggi è stato accertato il dissesto statico.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, in un appartamento a ponte tra le due ali dell'edificio, costruito cinque anni fa, vi sarebbero evidenti lesioni provocate dal carico di una trave portante che poggia sulle due colonne dei vani scale. Sul posto è intervenuto anche il costruttore e non sono mancati momenti di nervosismo con gli inquilini anche se la situazione non è mai trascesa. Gli abitanti degli appartamenti lamentano "criticità che si sono evidenziate subito dopo l'acquisto delle case, tanto che da anni sono inservibili cantine e garage perché invasi dall'acqua e da quando sono comparse le prime lesioni la società costruttrice non ha fatto alcun intervento per tamponare la situazione".

Il costruttore si è difeso affermando "che la situazione era sotto osservazione da tempo e vi sono perizie già in atto: io per primo mi ritengo parte lesa, perché da quanto appare saremmo di fronte a errori commessi dai progettisti e non addebitabili all'esecuzione dei lavori".