La fiaccolata di protesta a Montecatini: "Vogliamo più sicurezza. Uniti per la nostra città"

Albergatori e cittadini in corteo chiedono aiuto contro le intrusioni negli hotel Biondi e Bartolini: "Lavoriamo con le forze dell’ordine per la prevenzione"

Fiaccolata di protesta degli albergatori e commercianti di Montecatini contro l'emergenza sicurezza

Fiaccolata di protesta degli albergatori e commercianti di Montecatini contro l'emergenza sicurezza

Montecatini Terme, 8 febbraio 2024 – “Uniti per la nostra città": è questo il messaggio che ha caratterizzato la manifestazione di ieri sera, in centro, dove hanno partecipato oltre 100 persone, per protestare contro le intrusioni, gli episodi di vandalismo e furti ai danni di alberghi dismessi o chiusi per la stagione invernale. Titolari di strutture ricettive, commercianti e cittadini hanno voluto trasmettere un messaggio unitario in difesa di Montecatini. Nessuna critica contro le forze dell’ordine, ma solo la volontà di creare più sicurezza insieme.

A scortare il corteo, partito all’angolo tra corso Matteotti e via Felice Cavallotti e terminato davanti al municipio, in viale Verdi, sono stati proprio gli operatori che, ogni giorno, sono impegnati a tutelare la legalità in città. I vertici delle associazioni albergatori hanno spiegato il messaggio costruttivo della manifestazione. Carlo Bartolini, presidente di Federalberghi-Apam, ha sottolineato come "nel momento di bassa stagione emerga la necessità che gli alberghi chiusi in quel periodo siano tutelati da possibili effrazioni o atti di vandalismo. Quando siamo aperti rappresentiamo un presidio di sicurezza sul territorio. Denunciare ogni reato subito è fondamentale, la nostra collaborazione con le forze dell’ordine è massima sotto questo punto di vista. Tutti insieme dobbiamo impegnarci sulla prevenzione".

Giovanni Biondi, presidente di Assohotel-Confesercenti, ha ribadito l’importanza dello slogan scelto per la serata. "Uniti per la nostra città – ha spiegato – significa che albergatori, commercianti e cittadini vogliono dare un segnale aperto e non permettere che la delinquenza prenda il sopravvento. Purtroppo sono accadute molte cose brutte nelle ultime settimane, ma vogliamo ribadire che siano a fianco delle forze dell’ordine e comprendiamo benissimo eventuali problemi legati all’organico. Vogliamo tenere in piedi la nostra realtà".

Anche il sindaco Luca Baroncini ha partecipato alla manifestazione contro le effrazioni negli alberghi chiusi. "Non voglio lasciare da sole queste persone – ha detto – Esprimo la mia massima solidarietà a chi ha subito questi reati. Le forze dell’ordine fanno un lavoro straordinario: dobbiamo grati. Durante l’incontro con me e le categorie economiche, il prefetto Licia Donatella Messina ha promesso che parlerà con l’Istituto delle vendite giudiziarie (Isveg ndr) per sensibilizzare i responsabili a mettere maggiormente in sicurezza le strutture all’asta. Come amministrazione comunale, in questi anni, abbiamo investito molto sui problemi legati alla videosorveglianza in città. Ci stiamo impegnando per trovare una soluzione al fine di supportare l’impiego di vigilanza non armata da parte dei albergatori".