Il matrimonio intercontinentale: dall’Australia per dire ’sì’ in Lunigiana

La coppia di sposi è giunta da Perth: "Qui c’è un’atmosfera da fiaba, unica"

Steven Zanatta e Briony Anderson con don Francesco Grazzini (Foto Pasquali)

Steven Zanatta e Briony Anderson con don Francesco Grazzini (Foto Pasquali)

Fivizzano (Massa Carrara), 8 maggio 2023 - Si sono detti “sì, lo voglio“, nella deliziosa – e lontanissima, per loro – vecchia e suggestiva chiesa di Rometta. Hanno fatto un viaggio davvero lungo, sono saliti su più aeroplani ma alla fine hanno coronato il sogno d’amore tra le montagne lunigianesi.

Sono Steven Zanatta e Briony Anderson: la coppia di sposi novelli arriva dall’Australia. Lui vive e lavora a Perth ed è figlio di Dario Zanatta, originario della provincia di Treviso, che al suo rientro in Italia dopo una vita di lavoro trascorsa come immigrato in Australia aveva fatto conoscenza casuale con la Lunigiana. Era stato un amore a prima vista, tanto che visitando l’antico borgo di Rometta in Comune di Fivizzano, era rimasto folgorato da un magnifico edificio in pietra, affiancato al gigantesco arco di macigno che rappresentava il portone d’ingresso di quello che era un tempo il Castello del paese.

"Ho scoperto – racconta – che un tempo era la magione, la casa di un importante magistrato. Così nel 2012 l’ho acquistata". Ma non solo la casa, tutta l’antica borgata che si trova attraversata dalla statale 63, avevano poi affascinato appunto Steven, figlio di Dario nato in Australia. "Vivo e lavoro vicino a Perth - racconta in inglese - e venendo qui a visitare mio padre mi sono trovato avvolto in una speciale atmosfera, un mondo incantato dove si vive in un’altra dimensione. In case e palazzi costruiti 700 anni fa, un’emozione incredibile. Rometta è un borgo antico fatto tutto di pietra, la gente è simpatica, affabile. Quando ci è capitato poi, con la mia Briony, di visitare la vecchia chiesa nella parte vecchia del paese, sù vicino alla Torre - spiega - dedicata a San Pietro e Paolo, c’è stato fra noi due subito un gesto d’intesa: “Questo è il luogo dove ci sposeremo“. E così è stato, sabato scorso: è servito giusto il tempo di contattare il parroco, di fare le carte necessarie e di organizzare il viaggio dall’Australia per i parenti. Hanno detto “sì“ davanti a don Francesco Grazzini, il parroco della zona.