Torna ad Altopascio il baratto sociale

Ripartirà presto l’iniziativa che coinvolge i cittadini. La conferma arriva. da una delibera comunale.

Torna ad Altopascio il baratto sociale

Torna ad Altopascio il baratto sociale

Il classico taglio dell’erba, le potature delle piante in parchi e giardini pubblici troppo cresciute, riparazione di oggetti come le panchine ma anche molto di più. Un aiuto al cittadino in difficoltà senza considerarlo un soggetto passivo, con il contributo a pioggia della vecchia cultura assistenzialista ma, al contrario, gratificare la persona con un lavoretto di utilità per il Municipio e, di conseguenza, per la collettività. Con queste premesse, sarà riattivato il progetto per il baratto sociale ad Altopascio che, quindi, ripartirà entro breve tempo. La conferma arriva dalla delibera numero 69 della giunta che governa il Comune del Tau. C’è la necessità di continuare lo sviluppo del progetto, quale opportunità per coinvolgere la cittadinanza nella cura del bene che appartiene a tutti, attraverso l’impegno di persone selezionate dal settore sociale comunale in lavori di utilità per la comunità. Prima dell’interruzione, c’era stata, infatti, anche la valutazione positiva delle persone coinvolte che hanno espresso la loro soddisfazione nell’aver potuto contribuire, con il loro apporto, al miglioramento del bene comune in favore della cittadinanza. Visto il successo precedente, si è ritenuto di procedere con l’iniziativa anche per gli anni 2024, 2025 e 2026, coinvolgendo la Misericordia di Altopascio, attraverso l’opera di manutenzione del bene pubblico e di accompagnamento dei soggetti disabili ed anziani, attraverso il coinvolgimento di volontari. I soggetti scelti avranno una assicurazione.

Si stima serviranno circa 5 mila euro per dare il la al progetto. Espletate le fase procedurali e tecniche, si riparte. Nella prima parte l’iniziativa ebbe un notevole successo.

Ma.Ste.