Le richieste per le consegne a domicilio arrivano e sono varie nel corso della settimana. La loro soddisfazione si tocca con mano per un servizio che ha preso piede soprattutto nell’ultimo anno. Un modo per raggiungere anche coloro che magari non vogliono uscire di casa o hanno difficoltà a farlo. A parlare è Valentina Centofanti che insieme alla...

Le richieste per le consegne a domicilio arrivano e sono varie nel corso della settimana. La loro soddisfazione si tocca con mano per un servizio che ha preso piede soprattutto nell’ultimo anno. Un modo per raggiungere anche coloro che magari non vogliono uscire di casa o hanno difficoltà a farlo. A parlare è Valentina Centofanti che insieme alla sorella Giada (insieme nella foto), gestisce “L’Orto del Borgo“ - ortofrutta sul viale principale di Borgo Giannotti.

Come è iniziato tutto e come sta andando?

"Anche prima facevamo la consegna a domicilio, ma principalmente per i nostri clienti abituali - spiega Valentina - . Poi, lo scorso anno, durante il lockdown, ricevemmo una mail del Comune in cui ci veniva chiesto se volevamo aderire alla consegna a domicilio. E da lì abbiamo notato che ci contattavano anche clienti che in realtà non avevamo mai visto".

Segno insomma che la pubblicità, spesso e volentieri, funziona, no?

"Vorrei continuare a fare la consegna a domicilio, la gente ci chiama. Poi abbiamo anche il numero Whatsapp, siamo presenti su Instagram e abbiamo il sito Internet con il catalogo. Chiaramente i maggior contatti ci sono stati lo scorso anno in occasione del lockdown però è anche vero che ad oggi facciamo varie consegne al giorno e vorrei che il servizio rimanesse e si sviluppasse anche di più".

Qual è il limite territoriale per le consegne?

"Arriviamo fino a Capannori".

Insomma, una modalità che sta dando un utile servizio alla cittadinanza, ma che dà anche soddifazione?

"Sì, vedo che è un po’ cambiata la mentalità e per certi versi devo dire che è anche un aspetto positivo il fatto che se una persona non può permettersi di venire direttamente in negozio, scelga e faccia la spesa sul web scegliendo però la bottega locale".

Cristiano Consorti