In pensione lo psichiatra Betti, ideatore della “entomia”

Dal 2006 era responsabile dell’unità funzionale di Salute mentale adulti della zona Valle del Serchio

Mario Betti
Mario Betti

Valle del Serchio, 1 gennaio 2024 - Dopo 40 anni di lavoro nella sanità pubblica, oggi è il primo giorno di pensione per Mario Betti, dal 2006 responsabile dell’unità funzionale di Salute mentale adulti della zona Valle del Serchio, struttura che in questi anni ha guidato con competenza, passione e umanità.

Nell’ambito delle attività riabilitative del Centro Diurno di Fornaci di Barga ha attuato un modello organizzativo originale di servizio di salute mentale, rivolto alle persone e alla comunità, che ha ricevuto consensi e riconoscimenti. Ha inoltre ideato una disciplina psico-corporea denominata “entomia”, per la quale sono state avviate sperimentazioni neuro-scientifiche all’Università di Pisa.

Medico psichiatra e psicoterapeuta sistemico relazionale, il dottor Betti si è anche interessato a varie discipline orientali e occidentali. E’ stato direttore dell’Istituto di Terapia Familiare di Lucca dal 1994 al 2006 e della rivista “Psichiatria e Territorio” dal 1990 al 2002, pubblicando oltre cento lavori scientifici.

"L’Azienda Usl Toscana nord ovest – si legge in una nota – lo ringrazia per l’impegno professionale profuso in questo importante e delicato settore della sanità. Al dottor Betti, che ha sempre mostrato rilevanti qualità umane e professionali, vanno anche la gratitudine e l’affettuoso saluto di tutte le colleghe e di tutti i colleghi, che gli augurano tanta serenità per gli anni a venire”.