Quotidiano Nazionale logo
13 mag 2022

Piazza Statuto pronta il 19 giugno

Fissata la data dell’inaugurazione della porzione riqualificata e della fontana artistica di Girolamo Ciulla

daniele masseglia
Cronaca
Il rendering di come diventerà il lato sud-est, dal camminamento alla fontana
Il rendering di come diventerà il lato sud-est, dal camminamento alla fontana
Il rendering di come diventerà il lato sud-est, dal camminamento alla fontana

di Daniele Masseglia Sembra ieri l’altro quando in piazza Statuto sono state messe le prime recinzioni ed è esplosa la protesta dei cittadini dopo che le motoseghe hanno iniziato a tagliare i primi tigli. E poi altri sit-in, i momenti di tensione con la ditta, con la polizia e con l’amministrazione comunale, il cantiere bloccato, la nascita del comitato “Le voci degli alberi“ e la rimodulazione del progetto e del cronoprogramma. Invece è passato più di un anno dalla partenza dell’intervento di riqualificazione del lato sud-est, operazione su cui sono state finalmente fissate le date conclusive. I lavori saranno ultimati il 18 giugno e la mattina seguente ci sarà l’inaugurazione sia della scultura-fontana “Afrodite“ dell’artista Girolamo Ciulla sia degli spazi rinnovati, in particolare il camminamento con l’asfalto “natura“. Sono queste le indicazioni più importanti emerse dalla riunione tecnica che si è svolta ieri mattina tra l’ufficio lavori pubblici, l’assessore ai lavori pubblici Matteo Marcucci e gli addetti delle imprese che dall’aprile dell’anno scorso stanno lavorando alla riqualificazione della piazza. L’assessore, in proposito, ci tiene a sottolineare come nonostante il cantiere sia aperto, si è continuato a svolgere regolarmente il mercato settimanale del giovedì mattina e sono rimasti disponibili quasi tutti gli stalli per il parcheggio delle auto. Fanno eccezione solo tre posteggi del mercato, che come abbiamo scritto ieri saranno spostati sul lato nord della piazza fino al 18 giugno. "Chiudere una porzione maggiore della piazza avrebbe senz’altro velocizzato le operazioni – spiega in proposito Marcucci – permettendo alle ditte di utilizzare di più i mezzi meccanici. Ma il disagio sarebbe stato troppo grande e per troppe persone, per questo motivo abbiamo fatto una scelta diversa. Le lavorazioni, infatti, sono state manuali o con un ausilio meccanico ridotto al minimo. E così i piastroni storici del camminamento sono stati estratti uno ad ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?