Lo “scudo blu” alle Mura urbane. E’ il simbolo internazionale di protezione dei beni culturali

La consegna a Comune e CRI di Lucca da una speciale carovana della Croce Rossa Italiana durante la Mille Miglia

Lo “scudo blu” alle Mura urbane. E’ il simbolo internazionale di protezione dei beni culturali

Lo “scudo blu” alle Mura urbane. E’ il simbolo internazionale di protezione dei beni culturali

Sulle Mura urbane, in occasione dell’evento storico delle Mille Miglia, al vicesindaco Giovanni Minniti e a una rappresentanza del comitato della Croce Rossa di Lucca è stato consegnato il celebre “scudo blu”, simbolo internazionale di protezione dei beni culturali. Lo scudo, consegnato da una speciale carovana della Croce Rossa Italiana che seguirà tutte le tappe dell’evento, è un contrassegno importante che testimonia la cura della bellezza, dell’arte, ma anche della memoria e dell’identità di un popolo.

È proprio questo, infatti, il senso della campagna “Il futuro ha una lunga storia, proteggiamola”, nata per rafforzare l’impegno assunto attraverso la convenzione dell’Aja del 1954, scaturita dalla necessità degli Stati di proteggere i beni culturali dopo le distruzioni che si sono verificate durante la Seconda guerra mondiale. La campagna, promossa dalla Croce Rossa – che il 15 giugno ha compiuto ben 160 anni – , ha anche l’obiettivo di aumentare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni tramite una vera e propria azione di sensibilizzazione e disseminazione del Diritto Internazionale Umanitario. Lo scudo consegnato sulle Mura, a cui presto sarà data una degna collocazione, sarà simbolicamente messo a protezione di questo amatissimo monumento cittadino che rappresenta anche un patrimonio dell’umanità.

"La cultura - commenta la neo presidente della Cri, Cecilia Di Somma - è ciò che definisce e unisce un popolo, viene trasmessa alle generazioni future e costituisce fondamentale importanza per il progredire della civiltà. Negli scenari di guerra, in situazioni di emergenza, ma anche in periodi particolari come la pandemia, i beni culturali sono ancore attraverso cui ritroviamo la nostra identità, ci danno consapevolezza del nostro passato e ci accompagnano verso un nuovo futuro. Spesso, però, questi beni diventano anche obiettivi strategici di distruzione". "Ringraziamo l’amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata e per l’impegno a collaborare con il Comitato di Croce Rossa di Lucca in questa importante tematica - conclude Di Somma - . Si ringrazia anche l’organizzazione delle Mille Miglia per la disponibilità e la meravigliosa ospitalità".

"Da oggi con lo Scudo Blu - dichiara il vicesindaco Giovanni Minniti - le Mura di Lucca tornano a svolgere dopo secoli una nuova funzione ideale di difesa: la tutela del diritto umanitario internazionale".