Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
27 lug 2021

“Con l’obbligo del Green pass pioggia di disdette dei turisti, così non si riparte“

Favilla (Confartigianato) propone l’autocertificazion all’ingresso dei ristoranti

27 lug 2021

Il Green Pass si avvicina a passi da gigante mentre piovono disdette dei turisti. A lanciare l’allarme è Roberto Favilla, direttore di Confartigianato Imprese. “Tantissimi turisti, da diverse parti d’Europa, – dichiara Favilla – stanno cancellando le loro vacanze, a causa di questi ulteriori adempimenti. Se sono entrati nel nostro Paese dovrebbero essere a posto con il vaccino o con il tampone e molti temono di restare bloccati in Italia e di non poter ripartire. E’ così che vogliamo far ripartire l’economia?”. “Noi siamo favorevoli ai vaccini tuttavia siamo contrari all’utilizzo di un Green Pass come arma per costringere alla vaccinazione – continua Favilla – impedendo alla gente di andare al ristorante e al bar. I ristoratori non debbono essere usati come capro espiatorio. Una via d’uscita che Confartigianato porta avanti – prosegue Favilla – è quella di far firmare ai clienti un’autocertificazione all’ingresso come avviene del resto in molti luoghi di lavoro da quasi un anno e mezzo, sia per i clienti che per i dipendenti, nella quale dichiarano, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso del green pass. Saranno poi le forze dell’ordine a fare i controlli e a comminare le sanzioni a chi dichiara il falso e non ai ristoratori e ai baristi. E’ uno dei principali punti critici“.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?