Giovanni Russo, responsabile  del futuro museo, Expo del Fumetto
Giovanni Russo, responsabile del futuro museo, Expo del Fumetto

Lucca, 8 maggio 2017 - ULTIME ore per candidarsi – anche online – per i 26 incarichi con contratto di Co.Co.Co, di personale da utilizzare per le prossime tre edizioni di Lucca Comics & Games. La società Crea, organizzatrice dell’evento, ha pubblicato l’annuncio sul proprio sito internet: la scadenza è oggi. Ecco il link dove trovare le informazioni: http://www.luccacrea.it/la-societa/amministrazione-trasparente/bandi-lucca-crea/. Informazioni per opportunità di lavoro e di guadagno che, come abbiamo evidenziato nel nostro articolo di sabato, non erano state diffuse, anche con un semplice link, ai media, e che non si trovano nemmeno nella homepage di Lucca Comics & Games: vanno ricercate nella finestra ‘trasparenza’ del sito e poi in quella ‘bandi’, dove sono pubblicate da diverse settimane.

IL PRESIDENTE di Lucca Comics & Games Francesco Caredio replica al nostro articolo specificando, così come in realtà avevamo fatto anche noi, che «così come in altre occasioni, in ottemperanza al regolamento vigente di cui scrupolosamente la società si è dotata nel 2011, sono stati pubblicati sul sito dell’ente gli avvisi per questa tipologia di incarichi. Questo perché gli interessati – dice - ne avrebbero potuto prendere visione anche al di fuori dello stretto ambito locale. Si tratta non di figure generiche, ma di professionisti che abbiano acquisito esperienza nei campi artistico-culturali peculiari del Games e dei Comics e di alcune sotto-specificità. Si tratta di piccoli incarichi pluriennali di natura autonoma, auto-organizzati senza alcun vincolo di subordinazione che nell’arco di un triennio, dovranno fornire gli indirizzi artistici degli eventi fornendo continuità all’azione culturale nei gangli centrali della manifestazione».

 

CAREDIO contesta anche la dicitura «direttore» del Museo del fumetto (chiuso) che era ricercato sempre da Crea (l’avviso è scaduto il 6 aprile) per un compenso annuale di 33mila euro. «Non si cercava il direttore del Museo ma invece una figura di esperto per una revisione funzionale della struttura in realizzazione, in linea con gli sviluppi storici e strategici del Festival. Abbiamo di fatto cercato un ‘senior consultant’, per raggiungere gli scopi che l’azienda si è prefissata, nel rifondare il museo, sulla base delle esperienze maturate con Lucca Comics & Games, e di farlo in quel biennio in cui il museo sarà chiuso, e in cui il Comune opererà la riqualificazione anche edilizia».

«COME è noto – aggiunge Caredio - la figura di responsabilità del futuro museo, Expo del Fumetto di Lucca, è già stata ampiamente individuata e facente parte del team storico di Lucca Comics & Games: Giovanni Russo, una figura di assoluta esperienza, in forza al personale della società, con alte e acclarate competenze per ricoprire il ruolo di responsabile del Museo, dopo 15 anni di successi alla guida della sezione Comics». Nell’articolo, in realtà, avevamo riportato, come testualmente è sull’avviso di selezione: «Un incarico, nell’ambito della gestione del Museo del Fumetto» (chiuso, ndr).