Valorizzare l’edilizia Tutte le opportunità di lavoro e carriera "Pronte 500 assunzioni"

Orientamento e formazione rivolti ai giovani e alle loro famiglie. Ance La Spezia, Cassa e Scuola edile lanciano un loro programma. "Puntiamo sul livello di retribuzione e le occasioni di avanzamento".

Valorizzare l’edilizia  Tutte le opportunità  di lavoro e carriera  "Pronte 500 assunzioni"
Valorizzare l’edilizia Tutte le opportunità di lavoro e carriera "Pronte 500 assunzioni"

L’edilizia è in forte crescita e le nuove tecniche costruttive richiedono professionalità nuove e specifiche. Per questo motivo Ance La Spezia singolarmente e con Cassa Edile e Scuola Edile, ha ritenuto necessario lanciare un programma di comunicazione e informazione triennale rivolto ai giovani e alle loro famiglie sulle opportunità di carriera offerte proprio dall’edilizia. Modificare la percezione che ancora molti hanno del lavoro edile: essenzialmente è questo l’obiettivo. "I giovani non si avvicinano alle costruzioni – dichiara Alberto Bacigalupi, presidente di Ance – L’edilizia è cambiata in modo molto profondo. Non abbiamo bisogno di manovali, sempre più i nostri collaboratori sono veri e propri tecnici del costruire. Stimiamo che in provincia, entro il 31 dicembre andranno in pensione circa 200 lavoratori dei circa 3.000 occupati, e che nel prossimo triennio le aziende locali potranno dare lavoro ad altre 500 persone fra operai e di impiegati tecnici. L’edilizia, quindi, è una grande opportunità di lavoro per le future generazioni".

Il programma di ‘Orientamento al Lavoro in Edilizia’ avrà come obiettivo di valorizzare il ruolo del dipendente edile partendo da due punti fermi: i livelli di retribuzione e di welfare che il settore riconosce ai dipendenti; le opportunità di lavoro e di carriera. I contratti nazionali e quelli provinciali riconoscono ai lavoratori del settore ottimi livelli retributivi, ai quali si aggiunge un sistema di welfare che non si riscontra in altri settori produttivi. Purtroppo, forse per la maggiore attenzione rivolta verso le persone già occupate nel settore, non è stato comunicato in modo efficace che gli addetti dell’edilizia percepiscono retribuzioni che sono superiori alla quasi totalità dei settori produttivi del comparto industria e nettamente più elevate rispetto a quelli del commercio, turismo e servizi.

Inoltre, godono di un sistema welfare che non ha eguali in Italia. Tra le prestazioni di integrazione al reddito che vengono erogate tramite la Cassa edile spezzina, sia a favore dei lavoratori sia ai loro familiari sotto forma di prestazioni economiche ed assistenziali, recentemente aggiornate con il fondamentale apporto dell’associazione, ricordiamo: contributi scolastici per i figli studenti sino alla eventuale laurea; contributo a favore di operai che hanno figli diversamente abili; premio natalità una tantum per i lavoratori che diventano genitori biologici eo adottivi; premio apprendistato per chi avrà conseguito la qualifica dopo aver svolto la formazione nella Scuola edile spezzina, al termine del periodo di apprendistato, effettuato in una o più imprese iscritte alla Cassa edile spezzina; premio passaggio generazionale ai lavoratori iscritti alla Cassa edile spezzina che inseriscono il proprio figlio nel settore; sussidio per decesso del lavoratore causa malattia o infortunio sul lavoro. Alle politiche di welfare provinciale si sommano quelle già attive a livello nazionale, come il Fondo di assistenza sanitaria Sanedil.

"Il progetto – prosegue Bacigalupi – fa parte della linea di politica industriale che la nostra associazione sta sviluppando, progetto che si affianca all’aggiornamento approvato nelle scorse settimane delle prestazioni erogate dalla Cassa edile che portano la provincia della Spezia ai vertici a livello nazionale sia per importi erogati sia per innovazione delle prestazioni. Avrà inizio con la fase conclusiva del concorso di idee dedicato agli studenti di III, IV e V superiore di tutti gli istituti intitolato ‘La città che verrà: l’educazione al bello. Quanto la bellezza di una città possa influenzare un giovane nelle proprie scelte’ bandito alla fine dello scorso anno e che prevede come temine ultimo di consegna degli elaborati il 30 marzo".

Giulia Tonelli