Nonni, genitori, nipoti: musica nelle diverse generazioni

I gusti cambiano col passare del tempo ma l’amore e la passione per la musica non muoiono mai. CLASSE 2A SCUOLA POGGI-MANTEGAZZA DI LERICI.

Nonni, genitori, nipoti: musica  nelle diverse generazioni
Nonni, genitori, nipoti: musica nelle diverse generazioni

Fin dall’antichità la musica ha sempre avuto un ruolo importante: era usata nelle feste religiose, nei cortei funebri e anche nella guerra per incitare i soldati al combattimento. Nel corso dei secoli, gli strumenti di produzione, registrazione e ascolto della musica hanno avuto notevoli progressi grazie allo sviluppo tecnologico. In particolare, negli anni Settanta del Novecento, si è assistito ad una vera e propria esplosione in campo musicale in Europa e negli Stati Uniti d’America: la musica è entrata in tutte le case, grazie al diffondersi di supporti più pratici ed economici come le musicassette. Proprio in questo periodo storico, la musica ha veicolato messaggi significativi di pace, di emancipazione, di protesta, di uguaglianza e di ribellione.

Al giorno d’oggi, invece, i giovani apprezzano altri generi musicali, come pop, trap, rap che trattano argomenti molto più superficiali, arrivando anche ad un linguaggio spinto e provocatorio; quello di oggi è un genere sicuramente molto diverso da quello delle generazioni precedenti, prima c’era più musica classica, rock e pop, ora nella nuova generazione Z si cerca anche di mescolare stili diversi con parole raramente usate nelle vecchie canzoni, alcune perfino sconosciute ai nostri genitori. Quello a cui assistiamo oggi è un maggiore consumo individuale della musica: con i nostri smartphone cerchiamo i nostri brani preferiti su Spotify o su Youtube e passiamo la maggior parte del tempo ascoltandoli da soli. Sembra essere andato perduto anche il gusto per l’attesa del passaggio di un nuovo brano in radio: possiamo ascoltare i nostri artisti preferiti quante volte vogliamo, senza limiti; il lato positivo di questo cambiamento è che la musica è diventata più accessibile a tutti in modo praticamente gratuito e decisamente comodo. Collezionare musica (vinili, musicassette, cd) ormai è una passione molto poco diffusa. Tuttavia, per alcuni rimane un’emozione l’avere tra le mani la nuova opera del proprio autore preferito: scartare la confezione, leggere i testi delle canzoni, ammirare le foto e la grafica scelti dall’artista, aggiungere alla propria raccolta un nuovo pezzo. Anche se la tecnologia avanza e tutto cambia velocemente, la musica rimane comunque uno strumento di espressione fondamentale e - soprattutto per noi ragazzi e ragazze - un qualcosa che ci accomuna nei gusti e ci fa sentire parte di un gruppo. Non è solo un insieme di suoni e parole, ma racchiude pensieri e speranze e ci accompagna nei momenti più belli e più brutti della nostra vita.