Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
19 mag 2022

La Spezia, barche a fuoco nel rimessaggio nautico, l’ombra del dolo. "Scena da brivido"

Mistero nel quartiere di Pagliari. Le fiamme si sono sviluppate in due punti

19 mag 2022
Vigili del fuoco in forze a Pagliari per domare le fiamme nel deposito di barche
Vigili del fuoco in forze a Pagliari per domare le fiamme nel deposito di barche
Vigili del fuoco in forze a Pagliari per domare le fiamme nel deposito di barche
Vigili del fuoco in forze a Pagliari per domare le fiamme nel deposito di barche

La Spezia, 20 maggio 2022 - ​Una lingua di fumo, una colonna, una nuvola-choc. Fenomeni in rapida successione ieri, attorno alle 13,30, a Pagliari, con percezione ad ampio spettro - in pratica in tutto il golfo - in un crescendo di interrogativi e paure, in parte scioltesi col dissolversi della cappa per effetto del tempestivo, e risolutivo, intervento dei Vigili del fuoco in assetto super protetto. Nessuna vittima, questa è la cosa più importante. Ma polmoni messi a dura prova per chi abita in zona. L’incendio si è sviluppato in un rimessaggio nautico. Le cause sono ancora misteriose. C’è, però, una certezza: il manto di polline sparso dagli alberi in fiore è stato facile preda delle fiamme. Che esse siano state innescate dal lancio sconsiderato di una cicca di sigaretta o da azioni dolose, il risultato è stato devastante: alcune barche, di piccola taglia, andate a fuoco. Il loro materiale - la vetroresina - ha amplificato gli effetti visivi e nocivi del rogo. Nel cielo, una danza di veleni. A terra timori e reazioni: rabbia e sconcerto del titolare del rimessaggio, Massimo Maggiani, sospettoso che il fenomeno abbia una genesi mirata; proteste dal fronte degli abitanti per lo stato di abbandono in cui versa il quartiere, complice la dinamica stagionale del polline e la mancata cura del verde. L’area è quella di Pagliari che si sviluppa a destra e a manca dell’omonimo torrente che scende dalla collina di Pitelli, martoriata dalle discariche; ora è secca; il ’letto’ era colmo di polline, andato in fumo. E’ partito da lì l’incendio? E’ probabile. Di certo le fiamme si sono sviluppate ad una manciata di metri dalle case. "Una scena da brivido. Il fumo nero e acre si è levato mentre ero con la famiglia nell’abitazione" dice Michele Accardo, tra i primi a dare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?