Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
9 set 2020

Covid, la Procura apre un’indagine sul caso-Spezia

L’inchiesta del pm Patrono tra accertamenti sul pregresso e moniti per l’avvenire: niente assembramenti, tutti con le mascherine

9 set 2020
corrado ricci
Cronaca
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono, dopo l’escalation dei contagi, ha. aperto un fascicolo contro ignoti per epidemia colposa
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono, dopo l’escalation dei contagi, ha. aperto un fascicolo contro ignoti per epidemia colposa
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono, dopo l’escalation dei contagi, ha. aperto un fascicolo contro ignoti per epidemia colposa
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono, dopo l’escalation dei contagi, ha. aperto un fascicolo contro ignoti per epidemia colposa
Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono

La Spezia, 9 settembre 2020 - Il procuratore della Repubblica Antonio Patrono ha deciso di aprire un fascicolo contro ignoti per epidemia colposa alla lettura dei giornali di due giorni fa. Ad impressionarlo sono state le notizie sulla crescita "anomala" dei contagi alla Spezia, rispetto alle altre parti d’Italia, e sulle possibili ragioni alla base dell’escalation. Lo spiega nell’atto con cui ha proceduto all’iscrizione del procedimento. Non entra nel merito delle "possibili ragioni di contagio". Ma il riferimento plausibile è al cluster primogenito che si è espanso dopo un incontro (o festa che sia) a Carrara fra colleghi di lavoro di origine dominicana di un un cantiere navale apuano e al non escludibile effetto moltiplicatore che potrebbe aver avuto la festa notturna per la promozione dello Spezia in serie A (le parole in corsivo sono quelle usate dal presidente ella Regione Giovanni Toti, dal quale, sul punto, aveva preso del distanze il sindaco Pierluigi Peracchini che ha escluso il nesso causale festa per le aquile-contagi). Ma al là della nascita o propalazione dei vettori-Covid, ad imporsi, nell’atto del pm, sono i ragionamenti alla base della mossa che dà il LA all’inchiesta esplorativa. In stretto burocratese, a corredo della parola "ritenuto", questi sono i presupposti. Primo: "Le ormai acquisite conoscenze circa le occasioni da evitare e gli accorgimenti da prendere per evitare i contagi: utilizzare dispositivi di protezione e distanziamento interpersonale, evitare occasioni di assembramento". Secondo, la convinzione che "comportamenti contrari a tali accorgimenti che causino l’espansione dell’epidemia integrano il delitto di epidemia colposa previsto a punito dagli articoli 438 e 452". Il pm indica anche lo spettro temporale degli accertamenti prossimi venturi: agosto 2020. Dall’iscrizione alla delega il passaggio è stato breve. L’incarico è stato dato alla Guardia di Finanza che, in quanto ad inchieste connesse all’emergenza Covid, ha avuto e ha ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?