Per arginare la furia di Yassine Erroum da fuori abitazione la squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Sarzana, su disposizione dei carabinieri, ha usato anche gli idranti. Alla fine gli uomini dell’Arma sono riusciti a fermarlo, in mano aveva ancora il coltello, ma i carabinieri con tutte le difficoltà del caso sono riusciti a bloccarlo. Tre di loro hanno riportato ferite superficialI, alcuni militari avevano gli abiti insanguinati. Anche lui aveva riportato ferite che si era procurato probabilmente, nella lotta con la sua vittima. Alessandra Piga ha tentato infatti con tutte le sue forze di reagire e di sfuggire a quella morte crudele, a cui l’aveva condannata il marito. Nonostante le ferite la ragazza ha cercato una via di fuga, forse c’era riuscita arrivando davanti al portone di casa dove è stato ritrovato il suo corpo senza vita e dove è crollata sul pavimento in un lago di sangue. Una fine atroce per una ragazza di soli 25 anni. Ora i carabinieri fra gli altri aspetti vogliono scoprire che cosa abbia scatenato quelle reazione da parte dell’ormai ex marito.