Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
20 giu 2022

Bimba uccisa dal cancello killer La famiglia risarcita dai Lloyd’s

Bianca venne travolta il 26 aprile 2019 nel parco di Pugliola mentre giocava assieme al nonno. L’assicurazione del Comune di Lerici ha pagato la somma chiesta dal legale di fiducia Enrico Panetta

20 giu 2022

Neppure tutto l’oro del mondo potrà mai ripagare un padre e una madre dalla perdita di una figlia. Ma i genitori di Bianca Tonelli, la bimba morta a soli tre anni il 26 aprile 2019 nel parco di Pugliola, travolta da un pesante cancello deragliato dalla rotaia, sono stati risarciti, purtroppo solo economicamente, dall’assicurazione. I Lloyd’s di Londra, la compagnia del Comune di Lerici, ha accettato la richiesta di risarcimento presentata dal legale della famiglia, l’avvocato Enrico Panetta. Le parti hanno sottoscritto una clausola di riservatezza, quindi i particolari resteranno segreti. Ma la somma, con tanti zeri, è già stata versata a mamma Nora, papà Michele, al fratellino e anche al nonno Franco che era stato ferito gravemente dalla caduta del cancello quando la piccola si era aggrappata per gioco alla pesante struttura metallica. Si tratta di un risarcimento extragiudiziale, che prescinde dal processo penale dove però i familiari di Bianca non saranno parte civile. Ma seguiranno comunque il processo come persone offese, sempre attraverso il loro avvocato di fiducia Enrico Panetta. A proposito di iter giudiziario, proprio oggi nella tarda mattinata è in calendario una nuova tappa dell’udienza preliminare davanti al giudice Fabrizio Garofalo. A distanza di oltre tre anni dalla tragedia, non si è ancora arrivati alla svolta processuale. Il pm Monica Burani ha dato contenuto, sul piano delle contestazioni, all’ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo per i cinque destinatari dell’avviso di garanzia. In ordine di citazione nell’atto d’accusa c’è Davide Paolini, originario di Carrara, esecutore dei lavori per la ’messa in sicurezza’ del cancello a scorrimento preesistente là dove omise di applicare idonei dispositivi anticaduta (un ‘rostro’ che avrebbe impedito l’accumulo di materiale sulla rotaia che innescò il ribaltamento della struttura e un sistema di ritenuta dell’anta). In seconda battuta c’è Valentina Gatti, responsabile tecnica del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?