Grosseto, iniziati i lavori per illuminare la ciclabile fino a Marina di Grosseto

Sistema si occuperà degli scavi dalle Strillaie alla frazione balneare

La zona da cui sono iniziati gli scavi
La zona da cui sono iniziati gli scavi

Grosseto, 6 novembre 2023 - Sono iniziati i lavori per la realizzazione del grande impianto d’illuminazione che “collegherà” Grosseto a Marina di Grosseto. La ciclabile infatti che dal quartiere Uliveto di Grosseto arriva alla frazione balneare sarà tutta illuminata, grazie ad un maxi progetto che vedrà coinvolti tre protagonisti: Sorgenia, il Comune di Grosseto e Sistema, quest’ultima la società partecipata al 100% dall’amministrazione comunale. Il progetto prevede quindi che la ciclabile di 10 chilometri che collega il capoluogo alla frazione balneare sia illuminata. Di metà progetto se ne occuperà Sorgenia, mentre dell’altra metà Sistema. Da fine di giugno ha aperto il cantiere per la costruzione del parco fotovoltaico di Grosseto, uno dei più grandi e produttivi della Toscana. Un progetto Sorgenia per oltre 32 MW di potenza installata che, entro la prima metà del 2024, sarà in grado di produrre ogni anno circa 58 GWh di energia da fonte solare per soddisfare i consumi elettrici di 22.000 famiglie (oltre i due terzi degli abitanti di Grosseto) evitando l'immissione in atmosfera di oltre 28 mila tonnellate di CO2 l'anno. Sorgenia ha concordato con il Comune di Grosseto che la costruzione dell'impianto fotovoltaico sarà accompagnata dall’installazione di un innovativo impianto di illuminazione lungo la ciclabile che collega la città al lido di Marina di Grosseto. Sorgenia si occuperà del tratto che va dalla discarica Le Strillaie a Grosseto. Sistema invece si occuperà del lato opposto, fino a Marina di Grosseto. E in questi giorni è iniziato lo scavo per la posa dei plinti in cemento armato che sosterranno i pali dell’illuminazione ed i cavi dell’elettricità. Saranno ben 400 i plinti che saranno acquistati da Sistema e poi posizionati dalla zona della discarica fino a Marina di Grosseto. L’impianto in questione sarà a led, per un maggior risparmio energetico, e con una tecnologia con sensore di movimento, ovvero si accenderanno al passare di qualcuno, evitando così di rimanere accesi inutilmente la notte. La rilevazione del movimento elimina gli sprechi di luce soprattutto a tarda notte. La possibilità di ridurre ulteriormente l’illuminazione, in assenza di persone, diminuisce al minimo i consumi energetici e le conseguenti emissioni di CO2. Gli operai di Sistema srl hanno iniziato i lavori, che termineranno nei prossimi mesi.