Chiude "Over to Over". Con i carabinieri si parla di truffe

Incontro organizzato da Adoc per informare la cittadinanza su truffe e raggiri più comuni, con il supporto dell'Arma dei Carabinieri. Si parlerà di inquadramento giuridico, buone prassi di difesa, truffe online, cautele da adottare e denuncia.

Chiude "Over to Over". Con i carabinieri si parla di truffe

Chiude "Over to Over". Con i carabinieri si parla di truffe

Conoscere le modalità di truffe e raggiro più comuni e sapere a chi rivolgersi in caso di situazioni sospette è molto importante per prevenire il danno ed evitare di cadere nel tranello dei malfattori. Soprattutto per le persone anziane che sono, sovente, le vittime prescelte dai criminali. Per informare la cittadinanza è in programma, domani alle 16.30 nell’aula magna del Comando provinciale dei Carabinieri, l’ultimo incontro di questa seconda edizione del progetto "Over to over – Rafforzare la rete di auto-aiuto per attenuare l’isolamento e la fragilità e per prevenire le truffe agli anziani" organizzato da Adoc, l’associazione difesa e orientamento consumatori con il supporto dell’Arma dei Carabinieri. Domani quindi si parlerà di temi come l’inquadramento giuridico delle truffe, le principali forme di truffa e le buone prassi di difesa e prevenzione, le truffe online, le cautele da adottare e gli aspetti psicologici della truffa e la denuncia. Interverranno Flavia Martino, psicologa e referente del progetto per Simurg Ricerche, Pierpaolo Giorgi, del Coeso, Sara Minozzi, assessore alla Politiche sociali del Comune di Grosseto, Matteo Orefice, tenente colonnello dei Carabinieri, Margherita Procopio, vicecommissario della Polizia di Stato, Renza Innocenti, presidente di Adoc.