Arcobaleno d’Estate: "Viaggio in un’area che il mondo ci invidia. Come le nostre aziende"

Il presidente di Confagricoltura Attilio Tocchi sottolinea l’importanza di eventi come quello in programma martedì nel Parco della Maremma.

Arcobaleno d’Estate: "Viaggio in un’area che il mondo ci invidia. Come le nostre aziende"

Arcobaleno d’Estate: "Viaggio in un’area che il mondo ci invidia. Come le nostre aziende"

Un’escursione insieme alle guide del Parco su uno degli itinerari più suggestivi dell’area protetta e poi, al rientro, delizie per il palato con la degustazione di prodotti tipici locali all’interno dell’antico Frantoio fresco di restauro e di riapertura al pubblico. La tappa maremmana di "Arcobaleno d’Estate", evento promosso dal nostro quodiano in collaborazione con la Regione Toscana giunto alla dodicesima edizione, darà l’opportunità ai lettori che si iscriveranno (la partecipazione è gratuita) di entrare in uno dei luoghi più belli, più suggestivi e meglio conservati del nostro territorio – qual è il Parco della Maremma, appunto – e poi anche di assaporare alcuni dei prodotti enogastronomici locali di grande qualità. Partner della data grossetana (martedì 25) sono, infatti, l’Ente Parco e Confagricoltura.

"Come Confagricoltura Grosseto – dice il presidente Attilio Tocchi – abbiamo aderito con entusiasmo e convinzione alla iniziativa de La Nazione e Toscana Promozione, Arcobaleno d’Estate. Lo abbiamo fatto nell’edizione in cui l’obiettivo è quello della valorizzazione della Toscana diffusa e con la consapevolezza di rappresentare il mondo agricolo nella sua essenza più vera, quella degli agricoltori. Una Toscana fatta delle mille sfaccettature e dei mille paesaggi che solo grazie alla mano dell’uomo sono stati modellati nel corso dei secoli così da diventare un’icona unica che il mondo ci invidia. Oliveti, vigneti, filari di cipressi, frutteti, pascoli e quant’altro, contribuiscono alla biodiversità che oggi diventa patrimonio dell’umanità ed esplicitazione del bello come ben pochi territori possono mostrare. Questa miriade di aziende rappresenta oggi il vero valore della Toscana che può mettere sul piatto della offerta turistica un settore in costante crescita come quello degli agriturismo e del glamping, così da aggiungere alla parte dell’accoglienza anche il turismo oggi più evoluto e apprezzato, quello esperienziale".

"Saremo con il quotidiano La Nazione e con l’Ente Parco della Maremma mettendo a disposizione degli ospiti dell’evento di martedì 25 giugno –continua Tocchi – i prodotti enogastronomici delle nostre aziende, quelle stesse che vino in simbiosi con il territorio maremmano. Abbiamo deciso di aderire e ringraziamo la redazione di Grosseto per avercela proposta, perché con questa iniziativa apriamo ufficialmente le celebrazioni degli ottanta anni di Confagricoltura Grosseto. Una ricorrenza che festeggeremo con la con un evento in settembre. Intanto duole constatare come in Europa non si stia facendo gli interessi del mondo agricolo. La proposta di regolamento europeo approvata nei giorni scorsi dal Consiglio Ambiente della Ue sul ‘Nature Restoration Law’ suscita preoccupazione perché compromette di fatto il potenziale produttivo del settore primario. Ringraziamo comunque il governo italiano per aver evidenziato, in sede di Consiglio Ue, i limiti del regolamento che aumenta gli oneri amministrativi per il settore primario, e aver affermato la necessità di un’ulteriore riflessione su come limitare gli impatti negativi per l’agricoltura".