Fiorentina, stress test con l’Udinese. L’avvertimento di Italiano: "Non voglio cedimenti"

Dimenticare il Basilea e tornare a vincere: c’è da consolidare l’ottavo posto

Il brasiliano Igor non è sceso in campo in coppa contro il Basilea. Oggi il giocatore dovrebbe ritrovare il suo posto al centro della difesa

Il brasiliano Igor non è sceso in campo in coppa contro il Basilea Oggi il giocatore dovrebbe ritrovare il suo posto al centro della difesa

Firenze, 14 maggio 2023 - La parte più difficile del lavoro di Vincenzo Italiano ha riguardato nelle ultime ore l’aspetto mentale. Anche perché sul fisico ormai c’è poco da lavorare. La Fiorentina arriva alla sfida di questo pomeriggio contro l’Udinese con un solo allenamento sulle gambe. Il tecnico ha chiesto ai suoi calciatori di mettere per qualche ora da parte il pensiero Basilea. Che inevitabilmente accompagna tutti in casa viola da giovedì sera. La voglia di andare al St. Jakob Park per provare a fare l’impresa è tanta, ma prima c’è da fare una partita seria contro l’Udinese, in quello che somiglia al primo vero spareggio per l’ottavo posto. Il secondo arriverà domenica prossima contro il Torino, lontanissimo oggi nei pensieri viola. Eppure c’è da rimboccarsi le maniche.

Ai viola la vittoria manca dal pokerissimo contro la Sampdoria (30 aprile), ma più in generale nelle ultime otto sfide tra campionato e Conference League l’unica vittoria resta proprio quella contro la retrocessa squadra di Stankovic. Poco per dare linfa ai sogni di una città intera, che ancora crede fortemente di poter tornare a gioire per qualcosa di concreto. La società però è stata chiara da tempo anche sul fronte campionato. Classificarsi più giù dell’ottavo posto non si può. La sensazione che quella casella possa valere l’Europa della prossima stagione è forte, troppo per avere rimpianti se dovesse sfuggire nelle ultime quattro giornate. Italiano (che oggi potrebbe cambiare anche 8-9 calciatori rispetto a giovedì sera) ha lavorato sulla testa dei suoi ragazzi proprio in quest’ottica. "Scenderemo in campo con lo spirito di voler cercare di aggiungere punti alla nostra classifica - ha dichiarato in sede di presentazione del match - con grande voglia di fare bene e tornare a vincere: è da un bel po’ che non otteniamo una vittoria. Abbiamo bisogno di punti, per una classifica che da qui alla fine ci può lasciare qualche soddisfazione". Che tradotto significa: zero alibi, zero voglia di lasciare punti preziosi per strada. Italiano rimarca il concetto con ancora più vigore. "Adesso più che mai conta il gruppo. Nessuno deve mai mollare, abbiamo tantissimi impegni. Non bisogna avere cali dal punto di vista dell’attenzione e della concentrazione. Ancora abbiamo tanto da giocarci con partite importanti. Nessuno può dare segni di cedimento, soprattutto ora che ci giocheremo tantissimo".

Messaggio inviato. A tutti ed in particolar modo a quelli un po’ più freschi, che adesso sono chiamati a fare la differenza. Luka Jovic è uno di questi. Nelle ultime ore è stato protagonista più per il ‘giallo social’ (lui e Terzic avevano condiviso un post Instagram che criticava le scelte di Italiano, poi si sono scusati) che per le sue prestazioni in campo. Oggi sarà al centro dell’attacco (Cabral si allenerà in mattinata, giocherà giovedì sera) e da lui Italiano si attende uno squillo di quelli pesanti. Il gol gli manca da oltre due mesi (4 marzo contro il Milan). Lo aspettano a gloria anche i circa 27.000 tifosi che oggi saranno al Franchi.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro

Continua a leggere tutte le notizie di sport su