Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Un nuovo taxi per Zia Caterina Tutto giallo e firmato da Drusilla

Si chiamerà Super Sole, celebrerà l’unicità ed è dedicato a una bambina "che vive su una stella"

Dopo due anni di emergenza sanitaria, torna ’Milano25 Day’, la festa dedicata a tutti i SuperEroi organizzata da zia Caterina, al secolo Caterina Bellandi (nella foto), la tassista sui generis che ha conquistato il cuore dei fiorentini e non solo. Così, dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia, il 7 maggio al Giardino dell’Orticoltura, dalle ore 11 al tardo pomeriggio, torna il tradizionale appuntamento.

"La zia sarà felice di incontrare insieme ai suoi SuperEroi le persone che vorranno venire a festeggiare il ’Milano25 Day’ in un momento di incontro vicino al primo taxi Margherita" si legge sull’invito mandato dalla promotrice. Proprio così: SuperEroi, così lei chiama i suoi bambini del reparto di oncoematologia del Meyer. L’appuntamento del 7 maggio, al quale parteciperanno anche Padre Bernardo Gianni, l’abate della basilica di San Miniato, e Padre Gian Matteo Serra, rettore della Basilica di San Marco, sarà l’occasione per presentare il nuovo progetto di Zia Caterina: il suo nuovo taxi Super Sole "dedicato a una bambina che vive su una stella".

Il veicolo, che sarà tutto giallo, avrà l’autografo di Drusilla Foer. "Super Sole sarà la celebrazione dell’unicità. Siamo diversi gli uni dagli altri: proprio per questo siamo speciali" spiega Zia Caterina che, con il suo Milano25, di certo non ha bisogno di presentazioni. Da anni ha fatto della perdita del compagno un’occasione di rinascita e solidarietà, trasformando la professione di tassista del compagno in un servizio per il prossimo.

All’interno del suo inconfondibile taxi troviamo disegni, adesivi, palloncini, giochi, pupazzi e tante caramelle. Tutto studiato per strappare un sorriso ai suoi piccoli.

Per la sua opera instancabile al fianco dell’infanzia, nel 2018 Zia Caterina è stata nominata ambasciatrice toscana di solidarietà nel mondo dal consiglio regionale.

"Dopo la pandemia - conclude - ognuno di noi ha bisogno di ritrovare fiducia nell’altro. Per questo abbiamo deciso di organizzare questo incontro che vuole essere anche un augurio affinché si possa tornare al più presto alla normalità".

Rossella Conte

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?