The King of Colors, in ricordo di Enrico Coveri

La città celebra lo stilista con un doppio evento tra Palazzo Vecchio e la Giunti Odeon

Enrico Coveri

Enrico Coveri

Firenze, 25 febbraio 2024 – A diciott’anni faceva il modello e a 26 anni sfilava già con la sua prima collezione Enrico Coveri alla fashion week di Parigi. Nel mezzo di questi anni giovanili esperienze di direzione di boutique nella sua Prato dove era nato nel 1952, proprio il 26 febbraio, e poi alcune consulenze stilistiche. Fin dal debutto in passerella la stampa francese di allora lo battezzò subito come “ l’enfant prodige della moda italiana” e da allora fino alla fine della sua luminosa carriera, con la morte improvvisa il 7 dicembre 1990 l’amore tra Enrico Coveri e la Moda non è mai tramontato.

E nemmeno oggi con la griffe che è guidata da anni dal nipote Francesco Martini Coveri (figlio della sorella dello stilista Silvana Coveri) e che continua la sua passione per il colore e la positività. Ora la famiglia, che abita sempre nel suo palazzo in Lungarno Guicciardini, lo ricorda domani con un duplice evento in Palazzo Vecchio nel Salone dei Cinquecento con la presentazione del volume “Enrico Coveri. The King of Colors” edito dal Gruppo Editoriale di Matteo Parigi Bini e Alex Vittorio Lana e scritto da

Silvio Balloni, col sindaco Dario Nardella e una presentatrice-amica come Mara Venier, e al pomeriggio al Giunti Odeon con un talk guidato dalla giornalista Cinzia Malvini che intervista Francesco Martini Coveri su ieri e oggi del brand. Al nipote dello stilista il sindaco Nardella consegnerà domattina il Fiorino d'Oro.

Una festa nel segno delle paillettes che sono il segno distintivo e la grande invenzione di Enrico che proprio domani, giorno del compleanno, avrebbe compiuto se ancora in vita 72 anni E invece se ne è andato a soli 38 anni lasciando orfana la Moda italiana e internazionale. Un grande talento ma soprattutto un uomo solare, buono, un amico speciale nel mondo dello stile, una gioia vera per chi lo ha conosciuto, visto le sue sfilate, vissuto con lui i momenti memorabili dei defilè parigini col bel mondo di allora, le modelle più belle e osannate allora giovanissime e sue amiche come Naomi, Claudia, Cindy, Linda.

Enrico Coveri era il “sole” di Firenze nel mondo, l’uomo ammirato per l’allegria del suo stile, per il fucsia e il turchese, per le paillettes (che hanno dato il nome al suo primo e memorabile profumo), per una vita brillante e piena di vip che per lui erano un po’ famiglia, uno stilista antidivo, elegantissimo con le sue giacche blu doppiopetto e le camicie a righe. Prima la donna, poi l’uomo, poi il bambino, i profumi, gli occhiali, la casa e la biancheria, un universo totale griffato Coveri che anche dopo la sua morte continua a brillare.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro