Sviluppo sostenibile e impatto sociale, UniFi tra i primi 200 Atenei del mondo

Le graduatorie internazionali premiano l’impegno delle politiche green dell’Ateneo, tra fontanelli di acqua potabile ed attenzione alla differenziata

Rettorato Unifi. presentazione iniziative per i 100 anni dell’ Università
Rettorato Unifi. presentazione iniziative per i 100 anni dell’ Università

Firenze, 6 dicembre 2023 – Dai fontanelli all’attenzione verso la raccolta differenziata.  La vocazione green e l’impegno in materia di sviluppo sostenibile dell’Università di Firenze ottengono sempre più il riconoscimento delle graduatorie internazionali di settore: l’Ateneo è infatti ai vertici nella ‘top 13%’ nella rilevazione 2024 dell’agenzia QS Sustainability e ottiene il quinto miglioramento consecutivo nella graduatoria 2023 stilata da UI Green Metric.

“Nel ranking 2023 QS Sustainability ci collocava nella top 20% mondiale, mentre oggi rientriamo in una fascia molto più alta della graduatoria – osserva il prorettore all’impatto sociale di Unifi Marco Pierini –. Analogamente UI Green Metric evidenzia i progressi ottenuti e consolidati negli ultimi anni, inserendoci tra le realtà più avanzate in ambito internazionale. In sintesi, possiamo dire che entrambi i ranking premiano l’efficacia delle politiche dell’Ateneo in un settore di rilevanza strategica”.

QS Sustainability 2024

Nella classifica stilata dall’agenzia internazionale per il 2024 l’Ateneo fiorentino si colloca al 192esimo posto a livello internazionale, confermandosi così nella top 200, nonostante sia raddoppiato di fatto il numero di istituzioni prese in esame (da 700 a 1.403). Firenze si piazza inoltre al sesto posto tra le realtà universitarie italiane (47 le istituzioni valutate, 16 in più rispetto all’anno precedente).

Rispetto al 2023, l’agenzia internazionale QS ha modificato la metodologia del ranking focalizzando la propria attenzione su tre specifici temi: impatto sociale, impatto ambientale e governance.

Nel primo ambito, relativamente all’Impact of Education, vale a dire l’insieme delle iniziative finalizzate a un’educazione più inclusiva ed equa (collegato all’obiettivo 4 degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite), Unifi ottiene un terzo posto a livello nazionale, così come guadagna un secondo posto a proposito del Knowledge Exchange che misura l’impegno nella diffusione della conoscenza nei paesi meno sviluppati.

Rispetto all’impatto ambientale, l’Ateneo è terzo tra le istituzioni universitarie italiane in considerazione dell’attività di ricerca svolta.

Terzo piazzamento infine anche in relazione all’ultimo punto che si sofferma sulla qualità delle politiche adottate dai vertici universitari, sul grado di trasparenza e sulla capacità di includere la componente studentesca.

UI Green Metric 2023

Sull’impegno istituzionale e le iniziative nel settore della sostenibilità Unifi viene promossa anche dall’edizione 2023 della classifica internazionale di UI Green Metric con un punteggio di 7.985 (500 in più rispetto al 2022) su 10mila in palio.

Per il quinto anno consecutivo Firenze avanza nella graduatoria delle realtà universitarie green, una vera e propria cavalcata che colloca l’Ateneo al 173 esimo posto della classifica mondiale con un avanzamento di 52 posizioni (era 225esima), nonostante una platea di istituzioni più ampia (1.183 invece 1.050).

Firenze raggiunge il 12esimo posto nella graduatoria nazionale, guadagnando altre tre posizioni rispetto alla precedente rilevazione, su 32 realtà esaminate.

Sono sei i parametri adottati anche quest’anno per l'elaborazione del ranking: Unifi ha registrato un punteggio superiore rispetto all'anno precedente in relazione a tre indicatori (“energia”, “rifiuti” e “gestione dell’acqua”) e si è confermata rispetto ad altri due (“trasporti” e “istruzione e ricerca”).

Il risultato ottenuto è anche frutto delle attività di formazione e sensibilizzazione promosse dall’Ateneo che hanno accresciuto una maggiore consapevolezza sul tema della sostenibilità nella comunità universitaria, oltre che dello sforzo compiuto dal Green Office di Ateneo che ha contribuito alla ricerca e alla raccolta sistematica dei dati necessari a rispondere all’indagine.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro