Iacopo Nathan
Cronaca

Gli studenti Usa odiano Firenze? I giovani americani: “Falso, vivere qui è un’esperienza fantastica”

Dopo le polemiche di una studentessa, siamo andati ad incontrare alcuni ragazzi americani per sapere la loro opinione

Firenze, 16 marzo 2023 – Firenze inospitale per gli studenti americani? La polemica è stata lanciata dalla giovane giornalista Usa Stacia Datskovska. La 23enne, dopo 6 mesi trascorsi sulle rive dell’Arno, ha attaccato pesantemente Firenze, dicendo come a suo modo di vedere, la città non capisca e non apprezzi gli studenti americani, che nonostante tutto continuano ad affollare strade e piazze. Datskovska sottolinea di essersi immaginata felice in Italia e di aver avuto grandi aspettative ma di essersi dovuta ricredere: “Quando il mio semestre è finito, ho cominciato a disprezzare il panorama, odiavo le persone e non vedevo l’ora di tornare a casa nel mio campus di New York“. 

A infuocare ancora di più la polemica ci ha pensato niente di meno che Amanda Knox, che ha commentato su Twitter: “Studiare all’estero è fantastico”. Una replica quella di Amanda, detenuta per quasi quattro anni a Perugia per l'omicidio di Meredith Kercher prima di tornare libera e quindi venire definitivamente assolta, che suona decisamente ironica considerando appunto il lungo periodo dietro le sbarre e che ha sollevato un polverone sui social.

Parola alle studentesse 

Siamo andati a cercare, in una soleggiata giornata di inizio primavera, studenti e studentesse americane, per capire se davvero il sentimento della giornalista fosse condiviso da altri connazionali. “Vivere a Firenze mi sta piacendo tantissimo – dice Adriana Luger -. E’ una città molto divertente e mi permettere di vivere esperienze molto diverse rispetto alla mia città (New York, ndr). E’ bellissimo girare per la città, vedere il fiume. Ci sono tantissime cose diverse da scoprire, dai palazzi al cibo italiano. Ci sono tanti ragazzi americani che vivono qui, forse servirebbe qualche aggiustamento, ma in sostanza stare a Firenze è una grande occasione e amo stare qui”. 

“Stare qui è bellissimo – aggiunge la sorella, Alexa Luger, anche lei studentessa a Firenze -. Questa è una città a misura d’uomo. E’ fantastico poter girare a piedi, senza aver bisogno sempre di spostarsi in taxi. Credo che sia una città dove sia più facile sentirsi a casa magari di Roma. Ho delle bellissime sensazioni nello stare a Firenze, sto amando la città e mi piace tantissimo essere qui”. 

“Ho letto l’articolo di Stacia Datskova, siceramente non ho capito perchè abbia detto quelle cose - conclude Nicole Marcheschi -. Sto davvero amando il mio periodo a Firenze, è un’esperienza magnifica. Mi piace tantissimo essere immersa in una nuova cultura, molto diversa rispetto a quella americana. Sono cresciuta in una famiglia italo-americana, e poter essere qui è una cosa che mi piace moltissimo. Una città che si può percorrere tutta a piedi e che si può conoscere davvero, bellissima da vivere in prima persona”. 

La replica

"I nostri studenti sono innamorati di Firenze, qualcuno torna anche dopo il soggiorno studio a trovarci nonostante la distanza. Tanti ci chiedono di poter partecipare attivamente alle attività di volontariato della città". Caterina Paolucci, direttrice della Madison University di Firenze, controbatte così alla giovane Datskovska

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro