Rampa del ponte a Signa, l’incubo continua. Lavori ancora fermi e residenti in rivolta

L’intervento è ancora in stallo e gli abitanti sono esasperati "Degrado, polvere e caos dal 2021 viviamo tra i cantieri". .

Rampa del ponte a Signa, l’incubo continua. Lavori ancora fermi e residenti in rivolta

Rampa del ponte a Signa, l’incubo continua. Lavori ancora fermi e residenti in rivolta

Ancora nulla da fare, per la nuova rampa d’accesso al vecchio ponte fra Signa e Lastra. Come molti cittadini hanno notato, i lavori sono di nuovo fermi da settimane, fra la costernazione dei residenti. Iniziati nel gennaio 2021, bloccati dalla scoperta di una tubatura del gas (due volte rotta dalle trivelle) in un punto diverso da quanto previsto e indicato nelle carte, i cantieri sono poi rimasti fermi per mesi. A paralizzarli, sono state le controversie partite nella primavera 2022 quando, a causa dei ritardi ormai in corso e dell’aumento dei prezzi di materiali ed energia, la ditta vincitrice dell’appalto, la L.P. Costruzioni Srl, chiese di rivedere i costi del progetto e sospese i lavori. Il Comune definì un nuovo quadro economico dell’opera passando da 1.465.000 a 1.800.000 euro, ma la ditta non accettò la perizia (ritenendo l’aumento insufficiente) e tenne ancora fermo il cantiere. Da allora sono stati necessari numerosi pareri legali e confronti per arrivare, a giugno, alla firma di un accordo transattivo. Il documento riguardava la realizzazione della rampa, del parcheggio e delle opere accessorie, stralciando la nuova rotatoria in via Livornese e gli interventi in via De Amicis, che incidevano per circa 200mila euro. Tolte queste opere, il costo della rampa dunque si era attestato intorno a 1,6 milioni di euro. Sempre in base all’accordo, la ditta si era impegnata a concludere i lavori in 180 giorni, ovvero entro dicembre 2023. Ma non è andata così. Sono stati effettuati alcuni interventi preliminari, che hanno riacceso, la speranza di vedere ultimata l’opera, ma i cantieri sulla vera e propria rampa non hanno mai preso il via. E la cosa non è cambiata con l’inizio del nuovo anno. "Siamo preoccupati – spiegano i residenti – perché nonostante le rassicurazioni i cantieri non decollano. Li abbiamo davanti a casa dal 2021, fra degrado, polveri e parcheggi carenti. I parcheggi non sono disponibili da quando i lavori sono iniziati, con grandi disagi per tutti". L’amministrazione, starebbe portando avanti il confronto con la ditta, per risolvere la situazione. La nuova rampa è una delle opere previste per il miglioramento della viabilità intorno al vecchio ponte, uno dei punti più trafficati del territorio. Il progetto prevede la possibilità di accedere sul ponte direttamente da via di Sotto, evitando l’incrocio con semafori causa di continui rallentamenti.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro